Cerca

Omicidio Sandri, sei anni a Spaccarotella

Tensioni nella notte a Roma

Omicidio Sandri, sei anni a Spaccarotella

Pensano che un poliziotto, Luigi Spaccarotella, si sia fermato dal lato opposto di un'autostrada, abbia mirato apposta, e abbia sparato per uccidere il loro amico e parente Gabriele Sandri. Per questo tifosi laziali e genitori non hanno accettato la sentenza con cui ieri, un giudice, ha assolto il poliziotto dall'accusa di omicidio volontario, fermandosi al colposo. Non voleva uccidere, Spaccarotella, per il giudice. Il colpo che ha ammazzato Sandri lo ha ammazzato per caso. Il padre di Sandri ha promesso il ricorso in appello, ma intanto ha detto di sognare un milione di persone in piazza a protestare. I tifosi si sono riuniti queta notte a piazzale Ponte Milvio, e  hanno lanciato sassi e bottiglie contro un contingente della polizia che passava in quel momento. Lo stesso gruppo, poco dopo, ha lanciato alcuni petardi e altri sassi contro la stazione dei carabinieri di Ponte Milvio, non distante dal piazzale. Uno dei petardi ha danneggiato un'auto e una moto parcheggiate davanti alla caserma.

La sentenza- “Adesso me l’hanno ammazzato una seconda volta”. Arezzo, la Corte d’Assise ha appena condannato a sei anni di reclusione l’agente Luigi Spaccarotella per l’omicidio di Gabriele Sandri, il giovane tifoso della Lazio ucciso l’11 novembre 2007, mentre si trovata nell’area di servizio autostradale a Badia al Pino. E sua madre si è lascia andare alle lacrime.
“Mi vergogno di essere italiano”, le fa eco il marito. “Non sono bastati cinque testimoni a dire cosa ha fatto Spaccarotella. Evidentemente la divisa paga”. E  poi la promessa: “Senz’altro faremo appello: io Spaccarotella non lo mollerò mai!”.
Una sentenza, quella dei giudici, che ha spiazzato qualsiasi previsione: il il pm di Arezzo, Giuseppe Ledda, aveva infatti chiesto per il poliziotto una condanna a 14 anni per omicidio volontario, 7 in meno di quelli previsti per tale tipologia di reato, dal momento che erano state riconosciute a Spaccarotella le attenuanti generiche. Ma per la Corte non è omicidio volontario: “Fu omicidio colposo aggravato dalla previsione dell’evento”, sentenzia la giuria. E scoppia la rabbia.

Le proteste - “Buffoni!” è il grido di battaglia di alcuni ultras che sin dal mattino si erano dati appuntamento di fronte al tribunale dove hanno lasciato per tutta la giornata un grosso striscione con la scritta: "È ora che sia fatta giustizia per Gabriele". Accanto, una gigantografia di Sandri con scritto "Gabriele sempre con noi", e poco più in là una bandiera tricolore.

La cronaca della giornata - La fase finale del processo aveva avuto inizio martedì mattina presto: in aula c’erano, oltre ai genitori e al fratello di Gabriele, gli avvocati di parte civile e della difesa, mentre Spaccarotella non si è presentato.
Quella dell'agente Luigi Spaccarotella "è un'azione insensata dall'inizio alla fine, ci sono cinque persone che lo hanno visto correre e puntare l'arma", ha sottolineato il pm Ledda durante la fase di replica e controreplica. Settimana scorsa Ledda aveva anche mimato la scena presunta dello sparo, con una pistola giocattolo, impugnata con il braccio teso. "L'azione era priva di una giustificazione razionale", ha proseguito il pm secondo il quale era "improbabile che l'agente Spaccarotella” avesse mirato agli pneumatici, “aveva di fronte a sé la parte alta della macchina e quindi c'era il rischio concreto di colpire l'abitacolo".

"Ucciso tre volte" - Ma per i giudici, evidentemente, non è bastato per parlare di omicidio volontario. All’uscita dall’edificio, Federico Gattini, uno dei legali di Spaccarotella, è accolto da una pioggia di insulti: “Verme, sei un verme!” Cinzia, un’amica del tifoso laziale, si sente male ed è portata via in ambulanza.
“Facciamola finita, non uccidiamo Gabriele per la terza volta”, implora Cristiano, il fratello di Gabbo. “La prima volta due anni fa, oggi i giudici. Non possiamo ucciderlo per la terza volta. Basta”.

L’accusato, il poliziotto della Stradale Luigi Spaccarotella, in aula non c’era. Ha atteso la sentenza “incrociando le dita e pregando”, come hanno detto i suoi legali. “Ho alzato istintivamente un braccio, forse tutti e due, ed è partito un colpo”, aveva raccontato nell’unica volta in cui si era presentato davanti ai giudici.

La vicenda- La mattina dell’11 novembre 2007, nell’area di servizio Badia al Pino sulla A1, c’era stata una scaramuccia tra i tifosi laziali e quelli della Juventus. L’agente era dall’altra parte dell’autostrada, senza poter intervenire direttamente. Tentò di farsi sentire con la sirena dall’auto e sparando un colpo in aria. Poi si mi a correre lungo il bordo della carreggiata per mettersi di fronte ai tifosi. Ma Gabriele e gli altri erano ormai tornati in macchina, pronti a raggiungere Milano per Inter – Lazio.
A quel punto partì il colpo ad altezza uomo che uccise Sandri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ludwigterzo

    15 Luglio 2009 - 13:01

    figuriamoci che testimoni,tutti tifosi che odiano la polizia,per niente attendibili,anzi.Come fanno a vedere dall'altra parte dell'autostrada,con il casino che c'era,se un poliziotto mirava a loro,come si può pensare che volontariamente abbia mirato ad una tale distanza? sarebbe stato scemo.Mi dispiace per i signori Sandri,ma in queste circostanze,con tifosi assatanati che fanno solo caos,c'è sempre pericolo per l'incolumità della gente,sia esterna al loro gruppo che interna.Finchè i tifosi non smetteranno di essere incivili,questi incidenti ci saranno sempre. E comunque sei anni per colposo non mi sembrano affatto pochi se consideriamo quel criminale che ha ucciso 4 ragazzi perchè ubriaco e se ne stava ai domiciliari in riva al mare!

    Report

    Rispondi

  • gabrilella

    15 Luglio 2009 - 12:12

    Spaccarotella è giusto che debba pagare ma è anche giusto dire alla famiglia Sandri che il figlio non era poi cosi santo visti che insieme agli ultras volevano aggredire altri tifosi, l'agente non voleva assolutamente uccidere è stato un puro caso, mi dispiace che il figlio sia morto ma consiglierei alla famiglia di rispettare di più figlio e agente invece di accanirsi così tanto.

    Report

    Rispondi

  • cinziag

    15 Luglio 2009 - 11:11

    Era ovvio che Spaccarotella non avesse sparato per uccidere ma una fatalita' ha portato alla morte del giovane Sandri che comunque era tra gli ultras che volevano aggredire i tofosi e con precedenti noti. Quindi si capisce il dolore della famiglia ma la sentenza e' giusta e se non ci fosse stato questo tragico evento forse sarebbe potuto accadere di peggio. Le forze di polizia fanno il loro dovere anche in forme troppo permissive e spesso subiscono, proprio per evitare le tragedie, ma a volte possono accadere episodi di questo genere.

    Report

    Rispondi

  • maxife

    15 Luglio 2009 - 11:11

    Non entro nel merito della sentenza che non conosco nei dettagli, ma vorrei solo fare una riflessione. Lasciamo la politica dove sta evitando acostamenti azzardati che servono solo a mescolare le carte (sandri eletto nelle file della sx, G8 e no global). Siamo seri. Mi chiedo, oramai siamo talmente assuefatti alla violenza delle tifoserie calcistiche che cose gravissime, come assaltare degli agenti di PS o addirittura una caserma non fa quasi notizia. Stiamo scherzando! Non giustifico il poliziotto che ha le sue responsabilità e dovrà pagare per la sua condotta innegabilmente scorretta. Ma allo stesso tempo sono stufo di vedere degli incivili che tutte le domeniche mettono a ferro e fuoco quartieri, città, stadi e stazioni, e per che cosa? per una partita di calcio! Nessuno si scandalizza e la vita continua come niente. Questo è lo scandalo, questa è la vera inciviltà. A chi fa comodo tutto questo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog