Cerca

Omicidio Abba, i due baristi

condannati a 15 anni e 4 mesi

Omicidio Abba, i due baristi
Il tribunale di Milano ha deciso: Fausto e Daniele Cristofoli, i baristi che il 14 settembre uccisero Abdul Guibre, il 19enne conosciuto come Abba, sono stati condannati a quindici anni e quattro mesi. Padre e figlio, rispettivamente di 51 e 31 anni, sono stati riconosciuti colpevoli di omicidio volontario. Il pm, per entrambi, aveva chiesto 16 anni e otto mesi.
La lite e l'omicidio - Era la notte del 14 settembre di un anno fa, quando Abba fu ucciso dopo che, con due suoi amici di colore, aveva rubato dal bar dei Cristofoli, in via Zuretti, dei biscotti. I due proprietari li inseguirono: ne venne fuori una colluttazione, al termine della quale Abba fu colpito con una spranga. Il giovane, originario del Burkina Faso ma con cittadinanza italiana, morì alcune ore dopo in ospedale.
Secondo la ricostruzione dell’accusa, Fausto e Daniele Cristofoli hanno inseguito e poi ucciso a colpi di spranga il giovane Abdul per il furto del pacco di biscotti. Il processo si è svolto con rito abbreviato davanti al gup Nicola Clivio, che dopo la requisitoria del pm e gli interventi delle parti civili e della difesa, si era ritirato in camera di consiglio.
L'offerta di risarcimento - Gli imputati avevano offerto come risarcimento 100mila euro, dopo aver venduto la loro casa. Ma la famiglia di Abba, presente in aula così come gli imputati, aveva già preannunciato che non avrebbe accettato la somma e che a decidere il risarcimento doveva essere il giudice. I legali dei genitori del ragazzo avevano comunque chiesto un risarcimento complessivo di 900mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    17 Luglio 2009 - 10:10

    Spiace per la morte del ragazzo, ma i biscotti poteva comprarli, se non aveva soldi anche chiederli, ma rubare, bianco o nero, avrei fatto quello che hanno fatto i derubati. Forse non era la prima volta! Si sa che i "soldi" alleviano il dolore in modo "consistente", pensare poi di averne tanti, dopo essere entrati da clandestini........"povero figlio mio" ci hai fatto star bene. Riprova!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • gloria45

    16 Luglio 2009 - 20:08

    Ad Atteone dico: e se venissero a rubare a casa sua? Poi ne potremo parlare.

    Report

    Rispondi

  • gioanbernardo

    16 Luglio 2009 - 19:07

    riprendendo il suo "ragionamento" potrei dire: nessuno ha obbligato i "signori" cristofori a uccidere un ragazzo per dei biscotti. le dico comunque che l'indegnità delle sue parole e dei suoi pensieri la qualifica per quello che è

    Report

    Rispondi

  • gloria45

    16 Luglio 2009 - 19:07

    Sono solidale con i Signori Cristofoli, in fondo nessuno ha obbligato Abba ad andare a rubare. Mi lascia molto perplesso il "dolore" della famiglia che ha chiesto solo 631.000,00 euro di risarcimento. Una migliore educazione avrebbe evitato tanti guai

    Report

    Rispondi