Cerca

Inchiesta sul caso Saatchi

Soru rinviato a giudizio

Inchiesta sul caso Saatchi
Abuso d'ufficio e turbativa d'asta. Con questi due capi d'accusa l'ex presidente della regione Sardegna Renato Soru (Pd) è stato rinviato a giudizio, questo pomeriggio, dal Gup di Cagliari Giorgio Altieri, al termine dell'udienza preliminare nell'ambito dell'inchiesta sul 'caso Saatchi’, sull'appalto della pubblicità istituzionale della Regione sarda, che prevedeva un impegno finanziario della Regione di 56 milioni di euro più l'Iva. Soru, accompagnato dal suo avvocato Giuseppe Macciotta, ha reso alcune dichiarazioni spontanee al pm Mario Marchetti, titolare dell'inchiesta, e secondo fonti vicine al palazzo di giustizia cagliaritano, avrebbe detto «di aver risposto solo alla sua coscienza» e di «non aver mai avuto contatti con la 'Saatchi&Saatchi’, l'azienda inglese di advertising che si aggiudicò l'appalto». Insieme all'ex presidente della Regione, compariranno il 6 novembre prossimo davanti al tribunale di Cagliari, prima sezione, anche Sergio e Marco Benoni, amministratori del consorzio Sardinia Media Factory, l'amministratore di Saatchi&Saachi Italia Frabrizio Caprara, mentre il 12 ottobre, compariranno di fronte al giudice l'ex direttore generale della Regione Fulvio Dettori, il pubblicitario Aldo Brigaglia, Roberta Sanna e Giovanni Maria Filindeu, che hanno scelto il rito abbreviato.
«Soru, che ha notoriamente cementificato le coste sarde costruendo la sua azienda in zone che non l'avrebbero consentito, sconfitto dagli elettori, ora viene anche rinviato a giudizio». Lo dichiara il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, in merito al rinvio a giudizio di Renato Soru, nell'ambito dell'inchiesta sul 'caso Saatchì, sull'appalto della pubblicità istituzionale della Regione sarda, che prevedeva un impegno finanziario della Regione di 56 milioni di euro più l'Iva. «Sono stato tra coloro che hanno denunciato la gravità dello scandalo nell'ambito dell'inchiesta sul caso Saatchi - continua Gasparri - ed ho ricevuto risposte sprezzanti ed offensive da Soru. Credo che farebbe meglio a dedicare il suo tempo lavorando con gli avvocati alla sua difesa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    22 Luglio 2009 - 17:05

    i giudici comunisti di una volta. Dopo i "comunisti" Del Turco, Bassolino ora tocca anche a Soru. E nessuno grida al complotto!!!

    Report

    Rispondi

  • luckystrike

    20 Luglio 2009 - 09:09

    Quel giudice va ricollocato...vero Baffino!!

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    18 Luglio 2009 - 10:10

    Soru non può avere fatto quello di cui è stato messo sotto inchiesta. Scherziamo?!!!!!!? Lui è un puro non ha mai!!! fregato nessuno, ha solo (forse) poi si vedrà, preso/avuto a prestito. Forse l'epidemia del PD lo ha contaggiato. Ma si sa i "rouge" si salvano quasi sempre!

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    17 Luglio 2009 - 21:09

    Forse sono illazioni o venticelli di calunnia, come Del Turco in Abruzzo, a cui oggi ho letto hanno sequestrato beni per 10 milioni di euro, e i conti ancora piangono. Chissà come si rivolterà nella tomba Berlinguer, anche sapendo che la figlia sta per diventare direttrice di TG3, senza raccomandazioni velinate. Attendiamo, con calma e gesso, le risposte della giustizia. Chi semina vento raccoglie tempesta. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog