Cerca

Roma, annega a tre anni

nella piscina gonfiabile

Roma, annega a tre anni
Doveva essere un sabato di svago, ma si è trasformato in una tragedia per una famiglia laziale: un bambino di tre anni è annegato nella piscina gonfiabile nel giardino della sua abitazione, in via Gulla a Genzano, un paese dei Castelli Romani, poco dopo le 10, dopo essere sfuggito all' attenzione della madre che si trovava in casa.
La donna non vedendo più il bambino è andata a cercarlo in giardino e poi, non trovandolo, ha guardato all'interno della piscina vedendo il corpicino immobile. Chiamato il 118 i sanitari nonostante la rapidità dell'intervento non sono riusciti a rianimare il piccolo.
Nessuna responsabilità penale - I carabinieri di Velletri, intervenuti con i militari della stazione di Genzano, hanno escluso al momento qualsiasi responsabilità penale nei confronti della madre, una donna 31enne. “Un incidente domestico”, ha spiegato Marco Piras, il comandante dei carabinieri di Velletri.
I militari hanno ricostruito la dinamica: il bambino era in casa con la madre, intenta nei lavori domestici, ma per un attimo è sfuggito al suo controllo. La madre è subito andata a cercarlo ma è stata tratta in inganno dal cancelletto aperto sulla strada: temendo che il bambino fosse uscito fuori lo ha cercato, perdendo così del tempo, ritornata indietro ha pensato al giardino e alla piscina gonfiabile.
La dinamica - Si è precipitata ma era troppo tardi: il bimbo era immobile nell’acqua della piscina, una piscina grande, non da bambini, che avevano nel giardino. Lo ha tirato fuori dall’acqua e ha cercato di rianimarlo. Il 118 e i carabinieri sono arrivati subito e lo hanno portato in ospedale, ma per il bimbo era troppo tardi. Il magistrato ha sequestrato l’area, ma non ha ravvisato elementi di responsabilità e ha restituito la salma del bambino ai familiari per i funerali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog