Cerca

Investe e uccide 4 donne

Arrestato pirata della strada

Investe e uccide 4 donne
Ha investito e ucciso quattro donne davanti al marciapiede di casa, poi è scapparo a tutta velocità, senza prestare soccorso. La 'latitanza' del pirata della strada di Mazara del Vallo è durata però poche ore: l'uomo, Francesco Giacalone, è stato rintracciato e fermato, durante la notte. Giacalone è tenuto sotto torchio da diverse ore da polizia e carabinieri. L'incidente è accaduto in Via Vaccara, una strada periferica che conduce al porto del paesino nel trapanese. L'automobilista, uscendo da una curva, ha perso il controllo dell'auto, su cui viaggiava a folle velocità, che è piombata sulle vittime ferme in strada a chiacchierare. Distrutta un'intera famiglia: nell'incidente sono morte un'anziana, Susanna Siragusa, le due figlie, Filippa e Alda Andreani, e la nipote Concetta Li Mani. Due sarebbero decedute sul colpo; le altre all'arrivo all'ospedale di Mazara. Sono stazionarie le condizioni di uno dei feriti: Antonino Rondi, marito di Alda Andreani, ricoverato nel reparto di ortopedia dell'ospedale mazzarese. È stata invece trasferita nel nosocomio di Trapani ed è in prognosi riservata la figlia, una bimba di tre anni di Concetta Li Mani.
L'automobilista fermato da carabinieri e polizia ha 25 anni. Secondo quanto emerge dalle prime indagini il ragazzo, che è in cura al Sert di Trapani, ha rubato ieri sera una Golf e si è lanciato per le vie della cittadina. Dopo aver sbandato, ha invaso il marciapiede dal lato opposto della strada investendo in pieno la famiglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    20 Luglio 2009 - 09:09

    devono servire a mantenere, sia in passato che in futuro, gente come 'sto tipo? A parte questo, una cosa che non ho mai capito e' se in italia i carcerati lavorano, oppure consumano e basta. Io li farei lavorare a gratis, e chi si rifiuta lo manderei nelle celle peggiori :)

    Report

    Rispondi

  • coccodrillo

    19 Luglio 2009 - 15:03

    e adesso che condanna ci sarà inflitta? certo ora verranno fuori i solidali che lo voglio fuori x abilitarsi ma bisogna buttare le chiavi del carcere non 1 ma 4 ergastoli ed avere soprattutto la certezza della pena

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    19 Luglio 2009 - 15:03

    Quando leggo che un tossicomane(si chiamano così e non con l'attenuante politically correct ,tossicodipendente)è in cura presso il SERT, mi viene da ridere, se la cosa non avesse dei risvolti così tremendamente tragici. Il SERT io lo chiamo il BAR dei tossicomani, dove uno va, si fa il suo drink di metadone e se ne torna indietro. E' un bluff, tanto per fare vedere che lo stato si interessa alla cosa. Soldi spesi inutilmente. E mi fa un moto di stizza e rabbia, quando il solito magnanimo magistrato che giudica il reato commesso dal tossicomane, gli concede tutte le attenuanti del caso e dopo una pena a dir poco scandalosa per la sua mitezza, lo rimette in libertà, pronto all'uso per nuove imprese sconsiderate. La nostra società è profondamente malata, malata di buonismo e garantismo e pietismo e perdonismo e tutti gli ismo del caso. Quegli ismo che hanno indotto a considerare il tossicomane un povero malato, alla stregua di un povero malato di cancro(quello sì vero e povero malato). Invece appena appurato che un tizio si droga volontariamente e si fa esplodere il cervello, si dovrebbe prendere ed inviare d'imperio presso una comunità di riabilitazione, dove viene seguito, tenuto sotto controllo e dove non potrebbe fare danni alla società civile che vive secondo leggi e regole. E soprattutto si rende utile,munge le mucche, alleva maiali e zappa la terra. E questa nostra società detta civile che fa? Condanna Muccioli, benefattore dell'umanità e lascia liberi di scorazzare con macchine rubate ad ammazzare gente incolpevole, i tossicomani, con il cervello rintronato dalla droga: cocaina, eroina,lsd,crak, e la leggera marjiuana. Leggera perchè così vuole Pannella, il guru che ha fatto, a detta degli estimatori, battaglie di civiltà. Difatti distribuiva marjiuana a tutti, come i pani ed i pesci. Prendete e fumatene tutti, fate questo in memoria di me, di Marco Civile. Ma andate a farvi fottere, bestie !!

    Report

    Rispondi

blog