Cerca

Acireale, bimbo ucciso dai cani

Il fratello non risponde al pm

Acireale, bimbo ucciso dai cani
Ivan Azzarelli ha deciso di non parlare davanti al pm. Il 19enne, fratello del piccolo Giuseppe, sbranato e ucciso a soli sei anni ad Acireale, è indagato nell'ambito dell'inchiesta sulla morte del fratellino. Azzarelli, in Procura a Catania, "si è avvalso della facoltà di non rispondere", ha spiegato l'avvocato Rosario Pennisi al termine dell'interrogatorio del suo assistito, puntualizzando che lo ha fatto "non per una scelta di strategia processuale, ma soltanto perché in condizioni fisiche e psichiche di grande prostrazione".  Ivan Azzarelli "è indagato per omicidio colposo", ha specificato il suo legale, che aggiunge: "Il Pm ipotizza che i cani fossero di proprietà di Ivan (come lui stesso aveva asserito in un primo momenti, ndr) e che la tragedia sia accaduta perché gli animali non erano mantenuti in sicurezza, in modo da evitare qualcosa di grave, come purtroppo è avvenuto". Il legale ha sottolineato che "questa è solo un'ipotesi accusatoria, più che un'accusa, che gli è stata contestata nell'invito a comparire. Quando Ivan sarà in grado di fare qualche dichiarazione saremo noi a contattare la Procura. Al momento lui non accetta minimamente di essere in qualche modo considerato responsabile della disgrazia occorsa al fratello. È un ragazzo molto fragile che ha un sostegno del servizio sociale ed é seguito da alcuni psicologi. Credo non possa essere attribuita importanza alle dichiarazioni fatte in un momento di grande confusione". Infine il legale ha accusato: "Sia lei (la mamma, ndr) sia il parroco avevano fatto delle denunce sulla presenza di questi cani, mettendo in guardia dal pericolo rappresentato dagli animali. Ma di queste denunce non esiste traccia cartacea".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziogianni

    24 Luglio 2009 - 20:08

    ***I soliti che hanno un modus-vivendi atipico. Che ribrezzo. Ma, come vivete? Eh! A sì, è copa del nord. La dignità in certi luoghi non esiste neppure davanti alla morte di una creatura. Italia tutta? Noooo!!!!!Non scherziamo.*

    Report

    Rispondi

blog