Cerca

Gravina, archiviata l'inchiesta

a carico di Filippo Pappalardi

Gravina, archiviata l'inchiesta
L'inchiesta a carico di Filippo Pappalardi è chiusa. Ci ha pensato il gip del tribunale di Bari Giulia Romanazzi. Pappalardi è il padre dei fratellini Francesco e Salvatore, di 13 e 11 anni, di Gravina in Puglia, che era accusato di abbandono di minore seguito da morte. La richiesta era stata avanzata dal pm della Procura del capoluogo pugliese Antonino Lupo, lo stesso che il 27 novembre del 2007, un anno e mezzo dopo la scomparsa dei due ragazzini e tre mesi prima del ritrovamento dei loro corpi sul fondo di un pozzo di una casa abbandonata nel centro della cittadina murgiana, aveva chiesto e ottenuto da un altro gip, Giuseppe De Benedictis, l'arresto con le tremende accuse di sequestro di persona, duplice omicidio volontario e occultamento di cadavere. Dopo il macabro ritrovamento, per Filippo Pappalardi arrivò in pochi giorni la scarcerazione e poi la derubricazione delle accuse in abbandono di minore seguito da morte. Viene chiuso così ogni possibile profilo penale a carico dell'uomo. Rimane in piedi l'aspetto civile della vicenda con la richiesta di risarcimento danni che il legale dell'uomo, l'avvocato Angela Aliani, avanzerà in merito all'ingiusta detenzione 'sancità dalla Corte di Cassazione il 27 maggio del 2008

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziogianni

    24 Luglio 2009 - 20:08

    ***Che non abbia nessuna responsabilità, mi lascia un po' perplesso. Mi sembra quella sentenza negli USA: assolto perché è il loro modo di vivere, riguardo ad un'accusa infamante. Fu uno sberleffo agli "italiani". Io sono padre e se avessi lasciato in strada i miei figli a quell'età, sarei stato una carogna. Povere creature, ogni volta che ci penso, piango. Una storia atroce ed unica.*

    Report

    Rispondi

blog