Cerca

Tentanto di rapinarlo

Guardia uccide due ragazzi

Tentanto di rapinarlo
Due giovani sono rimasti uccisi dopo un tentativo di rapina a Pomigliano D'Arco, in provincia di Napoli. I due ventenni, a bordo di uno scooter, si sono avvicinati ad un pedone per rapinarlo. Molto probabilmente la vittima ha, però, reagito ed ha sparato colpendoli a morte. I carabinieri sono intervenuti dopo una segnalazioni ed hanno trovato i due cadaveri ed una pistola caricata a salve. Sono stati uccisi da una guardia giurata, che si era appartato in zona con la fidanzata. E' stato lo stesso 28enne colpevole a rpesentarsi ai carabinieri di Castello di Cisterna.
Le vittime sono Sebastiano De Falco, 22 anni di Castello di Cisterna, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Tramontano 20 anni, anche lui di Castello di Cisterna, incensurato. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, i due, a bordo di uno scooter si sarebbero avvicinati ad una passante che stava camminando lungo Viale Impero con lo scopo di rapinarlo. Ma quest'ultimo ha estratto una pistola ed ha colpito i due, uccidendoli.
Tramontano è stato trovato morto al posto di guida dello scooter, colpito una sola volta, proprio vicino al cuore; poco distante è stato ritrovato De Falco colpito quattro volte. Sul posto - dove i carabinieri sono arrivati in seguito ad una segnalazione telefonica alla centrale operativa - sono stati ritrovati lo scooter, la cui targa era ricoperta con una passamontagna bianco, una pistola tipo revolver senza matricola caricata a salve, probabilmente dei rapinatori, e quattro ogive di grosso calibro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    27 Luglio 2009 - 10:10

    La guardia giurata, se le cose sono andate come descritte, ha fatto bene, gli dovrebbero dare la medaglia d'oro al valor civile per aver tolto dalla società due pericolosi delinquenti, altro che fargli denunce immeritate! Forse si preferiva sentire della coppietta rapinata, lui massacrato di botte e la ragazza violentata? Che schifo di giustizia e di sistema giudiziario c'0 in Italia! Favoriscono i delinquenti contro le vittime! Favoriscono i reati contro chi li impedisce giustamente anche con la forza! Spiace moltissimo che quella guardia giurata debba avere dei problemi che non dovrebbe avere, in una nazione che non usi il buon senso, ma meglio che siano morti dei banditi che danneggiati delle vittime innocenti. Meglio vivo lui che quei delinquenti!

    Report

    Rispondi

  • gigetto1946

    27 Luglio 2009 - 10:10

    La vita è una cosa sacra e va rispettata.Sono molto dispiaciuto per il dolore delle famiglie,ma quei due se la sono proprio MERITATA.Per loro non provo nessun dolore.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    27 Luglio 2009 - 10:10

    La colpa è di chi ha sparato,vero giudici?lui prima doveva vedere se la pistola era caricata a salve se in terra c'era il tappo rosso obbligatorio(magari era caduto) poi farsi fare magari la ragazza e poi andare dai carabinieri a fare la denuncia.Giudici costringete la gente a farsi giustizia da sola,non condannate nessuno,compiangete i delinquenti uccisi,condannate chi si difende ma quando imparerete nelle condanne c'è sempre un massimo ed un minimo applicate per la povera gente il massimo e per i delinquenti il minimo se avete paura cambiate mestiere.

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    26 Luglio 2009 - 23:11

    un balordo "già noto alle forze dell'ordine" (e come mai non stava in galera?), carica sullo scooter un altro ventenne incensurato, e partono per il loro stage di ordinaria violenza e soprafazzione. Purtroppo per loro, stavolta, al posto di Abele, trovano Caino, che , al loro tentativo di rapina, reagisce sparando. Due morti, e una terza vita rovinata (vedrete, i giudici, come saranno inflessibili nei confronti di chi ha OSATO reagire ai malviventi).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog