Cerca

Napoli, scalo sotto assedio

I sindacati: pagate gli stipendi

Napoli, scalo sotto assedio
 I lavoratori dell’Atitech, società del gruppo Alitalia che opera nel campo della manutenzione degli aerei, hanno concesso una tregua allo scalo di Capodichino di Napoli. I manifestanti, che protestano per il mancato pagamento degli stipendi,  dopo una serie di scontri e tensioni con le forze dell' ordine si sono spostati in parte all'esterno dell'ingresso del terminal e in parte nella hall. I rappresentanti dei lavoratori hanno fato sapere che la protesta continuerà sino alle 15 quando si conoscerà l' esito della riunione in corso a Roma sulla vertenza Atitech. “Se non avremo risposte soddisfacenti - ha detto Antonio D'Auria, della Filt Cgil - siamo pronti a rientrare in aeroporto e occupare nuovamente i check in”.

La protesta - Questa mattina una quarantina di dipendenti Atitech hanno occupato gli imbarchi dal check in 36 al 44 delo scalo aereo. “La cosa più grave – sottolinea una nota dei sindacati - è rappresentata dalla sorta di ricatto in atto, che vorrebbe piegare i lavoratori ad accettare un piano industriale a prescindere, e per fare ciò hanno ben pensato di non pagare gli stipendi. Gravi le responsabilità delle parti in causa del Governo e del Commissario straordinario, che di fatto stanno avallando tale vergognosa situazione. I lavoratori di Atitech non si arrenderanno e proseguiranno con la massima determinazione la lotta in corso. Non accetteremo - conclude la nota - piani industriali mascheratì, esuberi e tagli salariali”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog