Cerca

Maroni: via alle ronde

Si parte l'8 agosto

Maroni: via alle ronde
«Siamo pronti, in settimana firmo il decreto che stabilisce le regole per l'attuazione delle cosiddette ronde e dall'8 agosto si parte». Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, annuncia che già dalla prossima settimana scatteranno le ronde dei cittadini per la sicurezza. Il titolare del Viminale assicura che le regole ci sono, «sono precise e anche molto severe». In primo luogo c'è il principio che «le ronde si fanno se e soltanto se il sindaco valuta che siano necessarie. Sarà il primo cittadino, cioè, a decidere se e dove si faranno», spiega Maroni. «Con il nostro modello, il modello Verona, il sindaco valuta, decide se vuole o meno le ronde e nel caso stipula convezioni con delle associazioni -spiega Maroni- Poi interviene la Prefettura, che si limiterà a fare controlli su chi partecipa. Mi sembra che tutto questo basti a evitare che sulle strade ci finiscano dei matti. Cosa che può succedere oggi, ma che dall'8 agosto non potrà più accadere». Così come «non sarà più consentito» che si costiruiscano ronde politicizzate. «Al di là delle critiche, sempre pretestuose -insiste il ministro dell'Interno- oggi si vede bene che questo modello funziona. Del resto, non si spiegherebbe altrimenti come mai all'interno del G8 questo modello abbia destato tanto interesse». Netta la posizione di Maroni anche sulla richiesta del ministro Scajola di estendere la sanatoria di colf e badanti ad altri settori: «è respinta. La richiesta di Scajola è la stessa che ci arriva da Epifani. Purtroppo però dentro al governo l'accordo era un altro. Quindi la richiesta è respinta» dice senza mezzi termini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    04 Agosto 2009 - 16:04

    Il ministro Maroni ci annuncia il via alle ronde dall'8 agosto. Sono curioso di vedere come andrà a finire. Spero che i giornali provvederanno ad informarci dei lunghi elenchi di cittadini che desiderano far parte delle ronde, oltre che delle lunghe code dei cittadini davanti alle prefetture(ma non dovevano essere abolite?) per esseri inseriti negli elenchi. La realtà è che quando uno Stato ricorre alle ronde si dmostra debole. Aspetto poi di apprendere , sempre dai giornali, visto che la tv disinforma, quali altre Nazioni del G8 abbiano adottato l'istituzione delle ronde, visto che il ministro ci ha comunicato "il grade apprezzamento". Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    04 Agosto 2009 - 13:01

    Ormai da alcuni anni non è più possibile girare di sera tranquillamente per la mia città, Venezia, come si faceva prima: adesso nessuno si fida più a lasciare camminare la fidanzata per strada da sola dopo le nove-dieci di sera, e pensare che fino ad un paio di anni fa Venezia sembrava ancora la città più sicura d'Italia (per le sue peculiari caratteristiche), persino i ragazzini adolescenti uscivano di sera, senza problemi per la sicurezza. L'altra settimana, ad esempio, ero in uno dei principali campi, quello dove c'è la sede RAI, vicino al Ghetto Ebraico, che è sempre controllato da militari carabinieri e finanzieri, e difronte alla strada principale che entra in città: alle dieci e mezza c'era un ritrovo di sbandati ubriaconi stranieri (marocchini e slavi) che insultavano pesantemente le passanti, anche quelle col fidanzato; uno di questi, del sud lo si sentiva, ha reagito alle provocazioni e si è trovato un gruppo di tre con bottiglie alla mano pronti a raccogliere la sfida. Io sono rimasto seduto sulla panchina con il mio PC (nuovo!) per connettermi al wifi gratuito di Cacciari dal momento che solo i "veneziani" che abitano nel palazzo da 5 milioni di euro davanti al Canal Grande hanno il servizio internet wifi gratuito in casa, i plebei come me devono scendere in strada. Comunque sono rimasto lì, fino a quando, essendo l'unica persona nei paraggi, un marocchino mi ha puntato, richiamando la mia attenzione con insulti e minacce varie: non era un combattente molto navigato perchè è stato sufficiente guardarlo dritto negli occhi per fargli capire che il mio totale silenzio non era segno di arrendevolezza, tutt'altro (tanto meno di uno alto 1,85cm, rasato con pantaloni e maglietta mimetica). Ad ogni modo, uno slavo suo conoscente gli ha consigliato di lasciar perdere e di andarsene tutti a bere ancora da qualche altra parte; ma se avesse deciso di attaccare rissa? cosa avreste fatto voi? avreste chiamato la polizia? o il sindaco? Io però ho un lavoro delicato, una denuncia non è uno scherzo per me. Sono sicuro che Cacciari mai accetterà le ronde a Venezia, non ne vede bisogno, lui! E poi, da che mondo è mondo, queste cose si risolvono con ben altri sistemi delle ronde, no? Continuiamo così, anzi, possibilmente, cerchiamo di far entrare in Italia qualche altro milione di stranieri. Il Piave non mormora più, è in secca e lo straniero passa, eccome se passa ...

    Report

    Rispondi

blog