Cerca

Turista nipponico annega

mentre filma Venezia

Turista nipponico annega
 Trovato ormai privo di vita nell’acqua della laguna. Un turista giapponese di 76 anni è annegato, lunedì sera, nella zona di Riva degli Schiavoni. Sul suo corpo di Ohta Tadayuki, recuperato dai Vigili del fuoco insieme ai carabinieri del vicino comando provinciale, non sono state trovate tracce di ferite esterne.

L’allarme era stato dato lunedì sera, attorno alle 21.30, quando alcuni gondolieri, in servizio vicino all’hotel Danieli, hanno notato il cadavere del giapponese in una zona compresa tra il canale vicino all’Hotel Savoia & Jolanda e Riva degli Schiavoni.
A questo punto è scattato l’allarme e sul posto sono intervenuti i pompieri, i carabinieri e il personale del Suem.

Il medico nel constatare la morte per annegamento ha anche accertato che sul cadavere del turista non c’erano segni di violenza. Si è poi scoperto che il giapponese, che aveva alloggiato all’Hotel Savoia & Jolanda, dopo la cena si era diretto in Riva degli Schiavoni con una piccola telecamera digitale. Gli inquirenti sospettano che l’uomo sia salito su un pontiletto in legno per effetturare alcune riprese e che, senza accorgersene, sia caduto in acqua. Va detto che in quel momento della serata nella zona c’era un violento temporale per cui il turista giapponese potrebbe essere scivolato.

L’intera documentazione del caso è stata già trasmessa al pubblico ministero di turno, Massimo Michelozzi, il quale molto probabilmente disporrà nei prossimi giorni l’autopsia sul corpo della vittima al fine di accertare le cause del decesso. Potrebbe essere stato un malore a far perdere i sensi all’uomo e a farlo cadere in acqua, oppure il turista è annegato dopo aver perso i sensi a causa della caduta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog