Cerca

Miss Beckham sbotta contro Milano

"Il suo smog mi rovina la pelle"

Miss Beckham sbotta contro Milano
In principio c'era lo smog. Poi piacevoli distrazioni (in primis lo shopping nel quadrilatero della moda milanese) le hanno fatto dimenticare cotanto fastidioso problema. Che oggi però torna a farsi sentire più pressante che mai. E la 'contessina' Victoria sbotta: "Mi rovina la pelle", avrebbe dette lady Beckham, riferendosi all'inquinamento atmosferico di Milano, dove abitava con il marito David mentre militava nelle fila del Milan. E pensare che ora la l’ex Spice di casa non sta di certo in una verde prateria, tra verdi prati immensi e natura incontaminata. Ma sta a Los Angeles, una delle città più inquinate al mondo. "Milano è una città bellissima - avrebbe confessato Victoria - ma mi rovina la pelle. Quando David giocava nel Milan spesso mi sono fermata in città per periodi abbastanza lunghi e - ha aggiunto - mi sono subito resa conto di come la pelle del viso ne risentisse. Lo smog, l’aria condizionata, tutte componenti deleterie per il mio derma". Ma il vero problema della signora Beckham è che a Milano non è cosa facile abbinare il giusto colore del volto con uno sfondo spesso e volentieri grigio fumo, "ma ho sempre un’equipe di visagisti che mi segue e che sa sempre trovare la soluzione migliore". Una bella fortuna, non c'è che dire...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roaldr

    05 Agosto 2009 - 20:08

    ma che cavolo vuole questa? Neanche fosse gnocca come crede di essere! Per favore, signora, i milioni, magari, anzichè in creme, che tanto il tempo sarà impietoso con lei come con tutti noi, veda di darli in beneficenza.Ecco, magari quello sarebbe il modo giusto per essere (positivamente) ricordata dai posteri. Sinceramente, le notizie sui suoi dispendiosi shopping e capricci, inducono al sottoscritto solo disgusto e pietà.....

    Report

    Rispondi

  • ziogianni

    05 Agosto 2009 - 15:03

    ***Nel 1974 la ragazza-pazza neppure era nata. Son passati 35 anni e qui a Milano come nella cintura milanese le fabbriche non ci sono più. Al massimo è il riscaldamento che d'inverno si fa sentire. Ma ciò succede ovunque, anche nella Bologna rossa e mortadellata. Puà!!! Tutti sempre contro Milano. Che pena e che tapini i disgregatori. Aggiornarsi please.*

    Report

    Rispondi

  • agmenquadratus

    05 Agosto 2009 - 14:02

    Povera cocca, hai ragione. Torna nel tuo paese. E restaci.

    Report

    Rispondi

  • lozzaVAitalia

    05 Agosto 2009 - 13:01

    Ha proprio ragione. Ricordo che dal 1974 son dovuto emigrare da Milano a Varese per asfissia drrmatologica da inquinamento delo centro di Milano. Grande città, ma inquinata doppiamente, industriale e circolatorio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog