Cerca

Bari, accoltella la moglie

perché voleva lasciarlo

Bari, accoltella la moglie
 Dopo l’ultimo caso di Varese che ha scioccato il Paese, un altro uomo ha accoltellato la moglie perché lei voleva lasciarlo. Fortunatamente in questo caso la donna è sopravvissuta, ma il marito 57enne è stato arrestato la scorsa notte dai carabinieri per tentato omicidio. L'uomo, di Palo del Colle, nel Barese, ora rinchiuso nel carcere di Bari, ha accoltellato la moglie colpendola al volto e alle braccia dopo che lei gli aveva comunicato l'intenzione di volerlo lasciare. Avvisati da una telefonata, i militari sono arrivati nell'abitazione della coppia che l'aggressione era appena avvenuta. L'uomo è stato bloccato e la donna, sanguinante in viso e in stato di shock, soccorsa. I carabinieri hanno poi rinvenuto il coltello ancora sporco di sangue. La vittima è stata giudicata guaribile in 20 giorni.

 A chi è andata male – Ieri a Varese Marta Bergonzi e i due figli Fabio e Mattia, nove e cinque anni, sono stati uccisi a coltellate da Maurizio del Cero, marito e padre. Il motivo della follia omicida è stato il fatto che la moglie voleva lasciarlo. L’uomo aveva perso anche il lavoro. A Verderio Superiore, Lecco, il 10 giugno 2000, Mario Montagna, 46 anni, uccide con la pistola moglie e figli e si suicida. A Viganò Brianza, Lecco, l’11 gennaio 2004, Fausto Zola, 56 anni, ragioniere, spara con una pistola alla moglie, ai due figli e si suicida. A Taranto, il 10 marzo 2008, Enrico Bandimarte, 48 anni, medico, massacra a martellate la famiglia la moglie e le due figlie. Poi si uccide recidendosi l’arteria femorale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog