Cerca

La Libia fa la voce grossa

contro i pescherecci italiani

La Libia fa la voce grossa
 I libici fanno la voce grossa. Non vogliono pescherecci italiani nelle loro acque e nel dirlo avvertono che sono pronti ad applicare le sanzioni previste per legge. Nel comunicato dell'Ambasciata, diffuso attraverso l'agenzia Jana, Tripoli rende noto agli “operatori italiani del settore e delle relative associazioni di categoria l'evidente carattere eccezionale delle procedure umanitaristiche” con cui la Libia “ha gestito la questione negli anni passati”. Ed enumera le sanzioni che saranno comminate “alle imbarcazioni che saranno in futuro colte ad esercitare attività di pesca all'interno delle acque sotto la sovranità libica in violazione delle norme vigenti in Libia”. Nel documento si sottolinea che le “eccellenti relazioni” tra Italia e Libia, rafforzate dal Trattato di amicizia, Partenariato e Cooperazione firmato il 30 agosto 2008, “hanno fino a questo momento indotto le Autorità competenti della Gran Giamahiria a gestire le violazioni relative all'esercizio delle attività di pesca da parte di battelli italiani colti nelle acque sotto la sovranità libica”.

L'ultimo caso, ricorda il comunicato, è quello dei due motopescherecci 'Monastir' e 'Tulipanò, fermati il 22 luglio e rilasciati il 4 agosto. Il documento fa inoltre riferimento alla «storica» visita in Italia del leader libico Muammar Gheddafi, nel corso della quale, tra l'altro, è stato firmato un Memorandum d'intesa sulla Cooperazione nel settore delle Risorse marine che ha stabilito i «termini generali» della collaborazione bilaterale e ha previsto, in particolare, l'elaborazione di specifiche intese sull'esercizio delle attività economiche, incluse le relative procedure di autorizzazione e sui siti ove esercitare le attività previste.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltebano

    10 Agosto 2009 - 10:10

    ha trovato le foto di scipione l'africano,nella prossima visita l'appenderà al collo e chiederà un altro risarcimento.

    Report

    Rispondi

  • wolf49

    08 Agosto 2009 - 11:11

    Hanno perfettamente ragione i libici! Andare fuori delle acque territoriali è un sistema che molti pescherecci usano, compreso nel nord adriatico. Vorrei vedere se i pescherecci croati, oppure libici venissero a pescare nelle nostre acque...farebbero il finimondo i pescatori nostrani!! Devono rispettare le regole e se le infrangono non deve essere lo stato (cioè il cittadino) a pagare i danni, ma devono pagare le ditte coinvolte con i loro soldi.

    Report

    Rispondi

blog