Cerca

La 'sirena' Arcuri distrae troppo i pescatori

Le leccesi gelose buttano giù la sua statua

La 'sirena' Arcuri distrae troppo i pescatori
Tutti d’accordo, Manuela Arcuri compresa. Il conduttore televisivo Gianni Ippoliti domani, alle 17.30, distruggerà la statua a grandezza naturale, scolpita in pietra leccese, dedicata a Manuela Arcuri e realizzata otto anni fa a Porto Cesareo. “Poiché c'è una delibera comunale che ha come oggetto lo spostamento della statua – ha spiegato il conduttore - che darebbe fastidio alle mogli dei pescatori, allora è meglio distruggerla”. E domani, all'iniziativa di Ippoliti, avvisa il conduttore televisivo da tempo legato al Comune salentino, “potrebbe essere presente Manuela che è in zona e che mi ha dato il suo pieno appoggio”. Manuela Arcuri, tra l'altro, ha acquistato cinque appartamenti a Porto Cesareo, dopo l'inaugurazione della sua statua, donata al Comune di Porto Cesareo dagli operatori turistici.

L'iniziativa è stata di chiara promozione turistica: “Ha funzionato - spiega Ippoliti - lo dimostra la fila di persone che ogni giorno c'è vicino alla statua per lo scatto di una fotografia”. “Eppure - continua Ippoliti - c'è chi non ha capito l'importanza dell'iniziativa”. “E distruggerò la statua - continua il conduttore - prima che qualcuno, che è ben conosciuto in paese, la sfregi per l'ennesima volta”. “Il mio - spiega Ippoliti - è un gesto futurista, provocatorio, mi spiace che ci sia chi non ha capito l'importanza di questa statua”. La statua è posta su un piedistallo, ha in mano una cornucopia ricolma di pesci. Contro la decisione fu presentata una petizione firmata da 350 donne del luogo, in gran parte mogli degli associati alla cooperativa pescatori dello Jonio. Sul piedistallo c'è scritto: “Il mare di Porto Cesareo a Manuela Arcuri, simbolo di bellezza e prosperità”.

Spostare, non abbattere - Ma l'idea di sbarazzarsi definitivamente di una bellezza (per quanto fatta di roccia) come la Manuela nazionale non piace del tutto al primo cittadino di Porto Cesareo, Vito Foscarini, che ribatte: "Ad Ippoliti questa mattina ho proposto telefonicamente di pensare una nuova location capace di ospitare l'idea, magari accompagnandola con una nuova campagna di comunicazione appositamente studiata. È logico e normale - spiega il sindaco in una nota - che il signor Ippoliti sia libero di esprimere le sue idee in merito alla questione, cosa che peraltro sa fare molto creativamente, come meglio crede; l'importante Š che lo si faccia nel rispetto di tutti. Un sindaco che ambisce ad essere tale - insiste Foscarini - ha questo specifico mandato da rispettare ed io per mia storia personale e cultura mi impegnerò finchè ne avrò facoltà, a soddisfare nel migliore dei modi le richieste dei miei concittadini. Ripeto, per la portata promozionale non possiamo che essere assolutamente grati ad Ippoliti ed alla signora Arcuri, che invito ufficialmente a Porto Cesareo magari non per prendere a martellate la statua ma per farsi un bel bagno nelle nostre splendide acque".

Meglio un gesto futurista -"Piuttosto che spostare la statua della Arcuri, senza sapere per altro dove sarà ricollocata, preferisco distruggerla con un gesto futuristà", ha replicato Ippoliti. "È un punto di riferimento - continua Ippoliti - per la promozione turistica della località. Dai turisti alle coppie di sposi, in tanti si fermano a Porto Cesareo per scattare una foto accanto alla statua. Spostarla è un'assurdità. Mi sembra una situazione pirandelliana e con me concordano sia lo scultore che la stessa Manuela Arcuri. Invece di affrontare problemi come l'abusivismo - continua Ippoliti - si mette tra le priorità lo spostamento di una statua che da sette anni rappresenta un indotto straordinario per il comune. Voluta dagli operatori turisti locali la statua è stata un'idea a costo zero che ha fatto parlare di Porto Cesareo nel mondo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roaldr

    13 Agosto 2009 - 12:12

    caro Ippoliti, se il suo scopo è fare parlare di sè, perchè invece che con la statua di Manuelona, non se la prende con qualche villa abusiva della Sacra Corona Unita, in zona ce ne sono tante....oppure quelli menano e sparano?

    Report

    Rispondi

blog