Cerca

Il siparietto di Bossi

fa infuriare gli alpini

Il siparietto di Bossi

Nella sede della Sezione Ana di Belluno, dove fervono i preparativi per il grande raduno della Brigata Cadore del prossimo fine settimana, il “lancio” dell'Ansa da Domegge delle ore 1.17 di venerdì 21 ha suscitato non pochi commenti tra l'ironico e l'indignato. La notizia si riferiva al «siparietto» che ha visto protagonista Umberto Bossi e ispiratore Giulio Tremonti al comizio della Lega di Domegge nel corso del quale il primo, indossando il cappello alpino prestatogli da un simpatizzante e messogli in testa dal collega di governo, impettito sull'attenti ha esclamato «Siamo i veri guerrieri, i veri condottieri». Chi non l'ha presa bene, in testa il presidente di sezioe Arrigo Cadore, ha osservato: «Quel simpatizzante non ha rispettato le regole, il nostro cappello non può essere usato impunemente per una gag. Poi la notizia Ansa dice che è stata una trovata volta a pubblicizzare il nostro raduno della settimana prossima. Non abbiamo bisogno di simili promozioni seppur autorevoli! Noi continuiamo a lavorare per il successo della nostra iniziativa con serietà e impegno come fanno sempre gli alpini e pretendiamo quel rispetto che, come si vede, talvolta manca. Pazienza, tutto ciò si commenta da sè». La faccenda potrebbe non finire qui. Scherzoso fin che si vuole, il gesto del "senatur" rischia di far più irritare che ridere. Non dimentichiamo che siamo in Cadore, terra di radicati e consolidati sentimenti risorgimentali e patriottici (il mito di Pier Fortunato Calvi, eroe del 1848, nella contrada è più che mai vivo...) e soprattutto legatissima all’immagine dei suoi alpini, che hanno scritto pagine memorabili di sacrificio e valore fuori e dentro quella che viene ancora chiamata la "piccola patria". Insomma con certe cose da queste parti bisogna andarci proprio piano.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    22 Agosto 2009 - 13:01

    Bossi non ha fatto nulla di male, secondo me. Ha preso in prestito il cappello alpino , se l'è messo in testa,dal fregio sembra quello di un sottufficiale,ed ha detto una frase , che se è quella riportata non ha nulla di irriverente. Anzi, con quel cappello si è sentito un vero guerriero. Poi ho dei dubbi, uno come Bossi, come fa a mettersi sull'attenti, l'arto inferiore sinistro plegico non lo sosterrebbe. E' che, qualcuno non va tanto per il sottile ed alla minima occassione trova motivo per criticare la lega e la sua antiitalianità. Ecco forse per questo chi ha dato il cappello alpino a Bossi, se lo poteva risparmiare. L'italianità degli alpini è nota a tutti, l'amore per il tricolore per gli alpini è sacro e per esso hanno dato la vita .Sono persino andati con i muli nella campagna di Russia,invece che con i semoventi e con il fucile 90, residuato della guerra 15-18. Partirono in 100mila, tornarono congelati e morti di fame solo in 10mila. Leggetevi "Il Sergente nella neve" di Mario Rigoni Stern, recentemente scomparso o "Mille gavette di ghiaccio" del tenente medico che fece la ritirata di Russia, Giulio Bedeschi, o "Gli alpini del Don" di Nuto Revelli. E che dire dell'anabasi, della ritirata di Russia. Epopea alpina che grazie alla Tridentina riuscì a sfondare l'accerchiamento russo a Nikolajevka e poter rientrare in Italia secchi, pidocchiosi e malati, ma salvi. Quel cappello quindi merita rispetto per quello che rappresenta nella storia patria . Non credo però che Bossi abbia voluto dileggiarlo. Forse la stampa vuole girarci intorno per farne nascere un caso, conoscendo la italianità alpina. Però mi chiedo, quanti alpini del nord votano lega? Sarebbe un controsenso. Non è vero Berghem de sass?

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    22 Agosto 2009 - 12:12

    Evidentemente non è come ci viene propinato in largo e in lungo: anche nel Nord Est d'Italia i sentiemnti risorgimentali esistono e l'amor di Patria,disatteso da coloro che siedono al governo, viene coltivato. Del resto agli Alpini i siparietti bossiani non son mai piaciuti. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

  • uycas

    22 Agosto 2009 - 12:12

    Bossi era il mulo e tremonti l'Alpino?

    Report

    Rispondi

blog