Cerca

Messa per separati e divorziati

A Genova il primo esperimento

Messa per separati e divorziati
Per una domenica la chiesa si fa bipartisan: al mattino la messa per le famiglie, al pomeriggio quella per separati e divorziati. È successo per la prima volta a Genova, nel santuario della Madonna della Guardia, il più caro ai genovesi credenti, per iniziativa del suo rettore, mons. Marco Granara. Nessuna forzatura della posizione della Chiesa sul delicato tema del matrimonio e della famiglia - sottolinea don Marco Granara - ma solo la sottolineatura che separati e divorziati sono credenti a tutti gli effetti, non devono sentirsi «scomunicati» (possono partecipare all'Eucaristia senza prendere l'ostia consacrata) e che la Chiesa è vicina a tutti perché «è anche madre». Una posizione - aveva ricordato giorni fa il «Corriere mercantile» in un servizio di annuncio dell'iniziativa - condivisa anche dall'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, che nel programma diocesano aveva esortato: «Le comunità cristiane curino le ferite delle famiglie disgregate». Se in mattinata si è celebrata la festa della fedeltà nella famiglia con gli sposi, nel pomeriggio la messa dedicata a separati e divorziati preceduta da una chiacchierata sotto gli alberi sul tema «fedeltà, valore non negoziabile per chi crede». Ad assistere soprattutto gli aderenti ai gruppi di preghiera dei «separati fedeli», cattolici che anche dopo il fallimento del proprio matrimonio continuano a vivere la fedeltà e l'indissolubilità del matrimonio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MIORESPIRO

    31 Agosto 2009 - 09:09

    Ma vi rendete conto dell'assurdità della cosa o qualche divorziato ha avuto l'intelligenza di esultare ? Mattino famiglie , pomeriggio divorziati !!!!! Ma noi non siamo famiglie ? i nostri figli a quale messa andranno , mattino o pomeriggio ?? .... non vi rendete conto dell'assurdità che avete creato .

    Report

    Rispondi

  • Shift

    24 Agosto 2009 - 12:12

    Non è la posizione ufficiale della Chiesa dare corpo a questa assurdità. La fede è unica, non può essere spezzettata a seconda delle convenienze dei gruppi con cui deve trattare. Immagino che una simile iniziativa assurda, oltre ad essere stata presa al di fuori della Chiesa ufficiale, sia dovuta al tentativo di far avvicinare chi giocoforza si è dovuto allontanare, visto che non risettava i dogmi cristiani. In pratica un'apertura ad una chiara deviazione della fede. Invece di dare l'esempio e predicare ciò che si deve, qualcuno si da alla politica con queste azioni fuori luogo.

    Report

    Rispondi

blog