Cerca

Bruno Vespa punge Bossi jr

"Renzo cambia gioco"

Bruno Vespa punge Bossi jr
Il caso del giochino 'rimbalza il clandestino' fa ancora parlare di sè. Bruno Vespa, celeberrimo giornalista Rai, tira le orecchie a Renzo Bossi, da tutti indicato come l'inventore del giochino da pc. Nella sua missiva Vespa, pur dichiarandosi favorevole ai tentativi che questo governo sta mettendo in opera per arginare l'immigrazione clandestina, critica l'iniziativa del giovane Bossi perchè priva di sensibilità verso delle persone che affrontano viaggi difficili e pericolosi. Una scelta che spesso mette a rischio la vita propria e dei propri cari. L'esortazione finale per il rampollo del Sentùr riguarda il suo futuro: per Vespa Renzo si deve buttare in politica, partendo dal basso dove c'è la gente che può insegnargli qualcosa in più anche in materia di immigrazione. 

La lettera - Caro Renzo, posso dire di averti visto crescere. La prima volta che venni a Gemonio, t’incontrai per strada, piccolo, mano nella mano di tua madre, quella quercia di Manuela, che era venuta a prenderti a scuola. Poi ti ho rivisto giocare nel micro giardino di casa. C’era anche un cane, se non ricordo male. Infine ti ho visto adolescente, indeciso sull’indirizzo da dare agli studi, come tanti giovani che non hanno capito con esattezza cosa fare da grande. Tu crescevi e il soggiorno di casa tua era sempre lo stesso, nella dignitosa modestia che mi ha sempre fatto apprezzare la tua famiglia. Avevo dimenticato la provenienza di qualche Alberto da Giussano appeso alle pareti che era stato regalato a tuo padre e tu me la ricordavi. Posso quindi permettermi di scriverti questa lettera aperta. Ho letto di un giochino al computer. Se ho capito bene, l’Italia sarebbe circondata sullo schermo da tante barche di clandestini e vince chi ne fa scomparire di più. Se è così, caro Renzo, per favore cambia gioco. Anzi fatti promotore perché nessuno dei tuoi amici passi il tempo in questo modo.  So bene quanto sia grave il problema dell’immigrazione clandestina in Italia. So bene che l’incredibile indifferenza europea e un malinteso senso umanitario con le bende sugli occhi ha fatto per troppo tempo dell’Italia il porto franco dei disperati (e dei delinquenti) di mezzo mondo. Per l’esperienza che ho maturato sul campo, credo che sia stato giusto portare da due a sei mesi il periodo di detenzione nei centri per consentire una identificazione più facile e per scoraggiare molte persone dall’intraprendere un’avventura dagli esiti molto incerti. Credo anche che la nuova legge abbia dato ai mercanti di carne il segnale di una svolta. Ho conosciuto clandestini di professione, senza nome e senza nazionalità, che vivono in Italia da vent’anni. Una soluzione a questo problema andata trovata. O almeno tentata. Ma non puoi dimenticare, caro Renzo, che gli immigrati sono uomini, come te e come me. Anzi, spesso sono ragazzi della tua età, costretti a fuggire dai loro paesi perché non hanno nessuna prospettiva di vita e nessun diritto alla speranza. Li ho visti sbarcare e ti confesso che ho nascosto il mio taccuino perché mi vergognavo di fare il cronista ben pasciuto che annotava lo sguardo di gente arrivata da non si sa dove in un paese sconosciuto. Ho conosciuto un ragazzo appena più grande di te: è stato fortunato, lavora per “Save the Children”, ma la sua storia è incredibile. Ti basti dire che all’inizio di un viaggio durato mesi, pieno di violenze e di ricatti , ha dovuto lasciare la sua mamma, perché scappare in due – con una persona non più giovanissima – è quasi impossibile. Pensa a tua madre. Pensa che non la rivedrai più perché lei stessa ti dice: va, figlio mio, salvati tu. Possiamo pensarla come vogliamo, ma questa gente merita rispetto. E allora, Renzo, ti faccio una proposta. Ho sentito che tu vuoi fare politica. Bene, vieni da un’ottima scuola e hai buone possibilità di emergere. Ma in politica, come in ogni mestiere, bisogna cominciare dal basso, bisogna sporcarsi le mani. Il problema dell’immigrazione clandestina riguarda la tua generazione molto più della mia. E’ un problema drammatico che investe la scuola, il lavoro, la religione, le tradizioni, la tolleranza o l’intolleranza reciproche. Occupatene fin d’ora. Va nei centri, parla con la gente che vi è detenuta, parla con i poliziotti che sanno chi fa il furbo e chi no, chi è davvero un perseguitato politico eritreo o chi viene qui soltanto per battere il marciapiedi. Quando Roberto Maroni va in Libia o in Tunisia o in Marocco, fatti inserire in qualche modo nella delegazione. Va a vedere di persona quante ambiguità bisogna combattere, quanto sono difficili gli accordi. Poi va a Malta a vedere l’altra faccia della medaglia, quelli che si voltano dall’altra parte quando passa una barca. Infine accompagna qualche parlamentare della Lega a Bruxelles e cerca di capire perché l’Europa tarda a varare l’unica soluzione possibile: un gigantesco finanziamento nei luoghi di maggiore povertà – il nuovo piano Marshall, diceva Berlusconi – per evitare che milioni di disperati premano a frontiere che prima o poi, purtroppo, cederanno di schianto.
 Diventa un esperto di immigrazione. Sarà il problema principale di domani. Ma oggi, per favore, cancella quel gioco anche dal tuo computer, dopo che facebook l’ha tolto dal suo circuito.
Con affetto e tanti auguri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luckystrike

    25 Agosto 2009 - 18:06

    Non si va da nessuna parte.Prima accertiamo che sia lui l'autore del giochino, e poi predica.

    Report

    Rispondi

  • Shift

    25 Agosto 2009 - 14:02

    Vespa era un gran giornalista, adesso se la prende con i ragazzini, si è proprio degradato di brutto come professionalità. Peccato!

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    25 Agosto 2009 - 12:12

    al fanciullo Renzo è più penosa del gioco razzista inventato dal rampollo leghista. Bruno Vespa, sempre ossequioso nei confronti dei potenti, in fondo giustifica e legittima l'iniziativa del Bossi Jr. La giustifica considerandolo un semplice gioco da cancellare e non la manifestazione di un disumano atteggiamento razzista che trasforma in gioco una tragedia, e la legittima ritenendo il giovane politico leghista "proveniente da un'ottima scuola", probabilmente la stessa che ha frequentato Hitler.

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    25 Agosto 2009 - 12:12

    penso che al ragazzo gli sarà venuto il mal di testa già dopo "posso dire di averti visto crescere"...insomma Vespa, quante parole!E per giunta arcaiche!Con quel tizio si fa prima con un "Renzo ma va via i ciapp!"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog