Cerca

Napoli, concorsi falsati

Indagati 150 docenti

Napoli, concorsi falsati
 Circa 150 insegnanti sono indagati dalla procura di Napoli: l'ipotesi è che abbiano presentato false attestazioni per poter accedere nel 2005 all'ultimo concorso abilitante per aspiranti docenti nelle scuole medie e negli istituti superiori. La procura sta facendo notificare in questi giorni gli avvisi di conclusione indagini agli interessati, l’atto che fa in genere da preludio a una probabile richiesta di processo da parte della Procura. Il fascicolo è affidato al pm Valter Brunetti, magistrato del pool mani pulite del procuratore aggiunto Francesco Greco. Le indagini intendono fare luce su presunte irregolarità in molte delle certificazioni presentate nel 2005, relative all'esistenza dei requisiti per l'accesso al concorso. Per partecipare al concorso serviva un requisito indispensabile: “Aver svolto 365 giorni di lavoro nella pubblica amministrazione”, vale a dire aver insegnato in una scuola pubblica o paritaria, per un anno intero. Ed è su questo requisito che sono scattate le verifiche affidate ai finanzieri degli uffici di pg della Procura di Giovandomenico Lepore. Molti attestati sono risultati fasulli: “Falsità in dichiarazione sostitutiva in atto di notorietà”, scrivono gli inquirenti. Irregolarità con lo stampino. Molti certificati di supplenza in questo o quell’istituto, oltre ad essere falsi, avevano infatti le stesse caratteristiche: fogli in A4, materiale fabbricato con perizia tecnica, tanto da lasciare sullo sfondo l’ipotesi di una regia unica del falso prestampato.

L’altra inchiesta - Prosegue intanto su un binario parallelo un’altra inchiesta sul mondo del precariato: viene condotta dal pm Giancarlo Novelli, ci sono sessanta docenti indagati, accusati di aver pagato dipendenti del Provveditorato per scalare le graduatorie attraverso il sistema informatico di via Ponte della Maddalena. Due facce di una realtà complessa con migliaia di professionisti onesti che in questi giorni reclamano per i propri diritti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    02 Settembre 2009 - 17:05

    Caro mrjekill,è da mò che va così,e che ammo a fà,se loro sono i più intelligenti e i più furbi... Cordialità.

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    02 Settembre 2009 - 13:01

    La secessione non si può fare; forse è meglio così. Il federalismo si può fare, ma a modo loro: eh, grazie! I napoletani sono più simpatici, i più furbi, i più colti ... come mi scrisse quel tale che mi chiedeva delle fonti a cui attingevo dati (sui magistrati che sono meridionali all'80 % o più) forse è perchè i meridionali studiano di più o si interessano di più alla giurisprudenza, diceva quel simpatico ingenuo. La verità è che loro fanno l'università a Napoli Bari ... Catchania, ah! mizzica! qui c'è PADOVA dove non esistono studenti trasferiti da facoltà di altre città, esiste al massimo solo un flusso migratorio verso università più abbronzanti, sempre verso sud. E il concorso poi! è sorvegliato con l'aiuto delle forze dell'ordine: ci sono di mezzo Polizia di Stato, la Benemerita e anche la Benestante (la GdF). Altro che fascio ci vorrebbe qui, allo zio Benito verrebbe un infarto a vedere quanti calci in culo bisognerebbe tirare in questo, pardon, in QUEL paese! Va a finire invece che sono i furbetti scansafatiche malandrini a prendere a calci i virtuosi, tanti sono! Allora, cosa facciamo? Aspetto di leggere i vostri post.

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    02 Settembre 2009 - 12:12

    Droga - Camorra - Traffici illeciti di tutti i tipi ecc.... dove volete che capitassero i concorsi falsati se non a Napoli! Vogliono sempre essere i primi in tutte le cose...... L'unica cosa che sarei contento fossero primi è quella del campionato di calcio. Non sono un tifoso del Napoli, ma almeno la cosa non sarebbe un imbroglio! Un minimo di ironia ci vuole nella vita, ma cari napoletani lasciate spazio a qualche altra città!

    Report

    Rispondi

blog