Cerca

Pisa, 4mila euro in cambio

di un finto datore di lavoro

Pisa, 4mila euro in cambio
 Lo hanno lasciato sui parabrezza scritto in italiano maccheronico. Qualcuno ha messo gli annunci per trovare un finto datore di lavoro che possa regolarizzare stranieri irregolari, in cambio 4mila euro di compenso. È successo a Pisa. In calce un cellulare e una mail intestata ad un nome di battesimo italiano, spiega che per regolarizzare una colf basta avere un reddito annuale di 20mila euro se se si è soli o di 25mila per una famiglia composta da più persone. Insomma una truffa bella e buona, secondo le indagini della Squadra Mobile della questura, una truffa ai danni dello Stato, infatti è già partita una denuncia, fatta da una anonima organizzazione che cerca la complicità di italiani o anche di stranieri regolari, per mettere in regola dei clandestini senza neanche un’occupazione abusiva o un posto al nero.

Il sospetto è che dietro la speculazione ci sia una vera e propria organizzazione straniera, visto l’italiano maccheronico in cui è scritto il volantino, pronta a sfruttare la situazione. E se al datore di lavoro vengono offerti 4mila euro, si trema al pensiero di quel che può esser chiesto ai clandestini per ottenere la regolarizzazione «tarocca».



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    02 Settembre 2009 - 16:04

    Mi tornano in mente le proteste di Maroni e Calderoli alle richieste di Giovanardi di applicare deroghe alla legge appena varata:"Come al solito siamo in Italia e fatta la legge trovato l'inganno".Ecco che ciò si avvera puntualmente,come temevano i due ministri della lega.

    Report

    Rispondi

blog