Cerca

A Riccione il primo hotel

a misura di Ramadan

A Riccione il primo hotel
Per la prima volta i musulmani avranno la possibilità di trascorrere le proprie vacanze in Italia nel rispetto dei dettami islamici in occasione del mese di Ramadan. È Riccione la prima città italiana che si propone di ospitare i musulmani, italiani e non, in occasione dell'ultima settimana del Ramadan per coniugare fede e vacanze. L'idea è venuta a Stefano Giuliodori, direttore dell'Hotel Dory, che ha spiegato cosa l'ha spinto a pensare a un pacchetto ad hoc per i musulmani. “La nostra città viene scelta da diversi anni e sempre di più da tante famiglie arabe e musulmane. Piace lo shopping, le spiagge a loro riservate - spiega l'imprenditore romagnolo - il divertimento, l'ospitalità, i parchi. Il Dory è uno dei primi family hotel della città con tanti servizi speciali dedicati ai bambini e per questo abbiamo deciso di creare un'offerta speciale per le famiglie arabe, per permettere ai genitori di godere la vacanza nel rispetto del periodo di Ramadan”. Per conciliare vacanza e fede islamica, Giuliodori ha studiato un'offerta su misura per i musulmani. “Offriamo tanti servizi speciali dedicati - spiega - Camere con angolo cottura per consumare i pasti in famiglia in assoluta tranquillità, canali tv arabi, servizio transfer per la moschea di Rimini, latte e datteri ogni giorno nel minibar a disposizione, ingresso gratuito al parco Oltremare e il Paradiso dei bambini, un angolo attrezzato per i più piccoli”.

L'idea del pacchetto vacanze Ramadan riguarda in particolare la settimana che va dal 12 al 19 settembre e ha visto subito l'approvazione della moschea di Rimini, che si prepara ad accogliere i fedeli in vacanza. “Si tratta di una iniziativa fortemente positiva - spiega l'esponente della comunità islamica riminese, Yahya Cavuoti - Ritengo che possa aiutare a percepire sempre di più come normale la presenza dei musulmani in Italia perché affronta per la prima volta l'aspetto della vacanza nel rispetto della sharia”. “Fino a ieri sembrava che i musulmani non avessero quasi la necessità di andare in vacanza - prosegue - Tutto il nostro apprezzamento va alla direzione di questo albergo per la sensibilità di tipo culturale dimostrata e per l'attenzione al rispetto dei precetti della fede islamica. Noi siamo disposti a collaborare per tutto ciò che ci riguarda”. Secondo l'esponente islamico romagnolo “non è un caso se una proposta del genere venga fuori proprio da Riccione, che storicamente è stata la città più aperta a nuove esperienze e all'accoglienza. Per natura ha sempre anticipato i tempi ed è più avanti anche della stessa Rimini”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mrjeckyll

    04 Settembre 2009 - 13:01

    Io approvo. Devono avere spazi riservati solo a loro: solo così si potranno controllare. E non solo ...

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    04 Settembre 2009 - 08:08

    Sarà splendido vedere le donne nella riviera romagnola fare il bagno col burqa. Intanto si comincia col ramadan. Poi qualche cammello sulla spiaggia e così sarà per "loro" come essere a casa. Solo che saremo noi in minoranza! I soldi non hanno colore, ma gli imbecilli possono essere pallidi, abbronzati ecc...sarei curioso vedere la "tinta" dei responsabili e la faccia dei dipendenti di quello sfortunato Hotel.

    Report

    Rispondi

  • Shift

    03 Settembre 2009 - 19:07

    La madre degli imbecilli è sempre incinta.

    Report

    Rispondi

blog