Cerca

Regionali, Maroni annuncia:

"Si voterà il 21 e 22 marzo"

Regionali, Maroni annuncia:
Il primo giorno di primaverà si voterà per le Regionali. L'annuncio è stato dato dal ministro dell'Interno Roberto Maroni. La dale di domenica 21 e lunedì 22 marzo 2010 sono ancora provvisorie, ma secondo Maroni, che conferma dunque le indiscrezioni degli ultimi giorni, si tratta anche delle uniche date possibili: "Per le regionali si voterà il 21 e il 22 marzo. È l’unica data possibile, probabilmente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    05 Settembre 2009 - 14:02

    Il ministro Maroni anticipa, in attesa del decreto definitivo, che si voterà il 21 e 22 marzo 2010. Ma non era stato detto, in lingua italiana e inglese, che bisogna ritornare a votare in un solo giorno?. E' mai possibile che ci battono tutte le nazioni del mondo e siamo accomunati solo alla Repubblica Ceca? In Italia si era perfino mosso un grande giornalista come Mario Cervi, ma vedo che nulla è cambiato. Visto che il grande Silvio si lamenta della stampa, perchè non accoglie le proposte sensate?. Adesso aspetto che "Libero" si muova per essere veramente un giornale controcorrente, unita alla battaglia per l'abolizione delle province. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    04 Settembre 2009 - 20:08

    Speriamo che non si cambiono Leggi. Mi ricordo di un lavoratore Romano ristoratore in Estremo Oriente, che regolarmente vedevo, ogni anno da almeno dieci, che al mio ritorno non lo trovai più! Chiese al suo ex socio e mi raccontò una storia di corna, a questi gli fu confiscato circa 500 milioni di lire in c/c, preso come un criminale ed imbarcato con timbro sul passaporto indesiderabile! Cos era successo? Semplice, era il ventesimo anno e desiderava vedere Roma, ma la moglie del posto gli confidò che avere un amante! Naturalmente alla polizia racconto cose diverse. Altri di cui posso darvi l indirizzo dopo 30 anni chiedevano la cittadinanza, anche se, avevano sposato una donna del posto non gli fu concesso nessuna cittadinanza, ma dovevano tribolare per procurarsi il visto, infatti, partivano nelle Nazioni confinanti: Hong Kong o Singapore. In poche parole in Italia, un criminale basta che sposa un Italiana/o ed è subito cittadino italiano? http://www.facebook.com Http://www.flickr.com http://vincenzoaliasilcontadino.splinder.com/ http://vincenzoaliasilcontadino.ilcannocchiale.it/

    Report

    Rispondi

blog