Cerca

Lecce, cambia sesso

Organista cacciato dal duomo

Lecce, cambia sesso
Non può più suonare l'organo né dirigere il coro della Cattedrale di Lecce perché ha deciso di cambiare sesso, da uomo a donna: è la vicenda pubblicata dal Corriere del Mezzogiorno e che sta diventando un caso non solo nel capoluogo salentino.
La Curia, infatti, dopo 18 anni non intende più avvalersi della collaborazione dell'organista e direttore del coro, all'anagrafe Marco Della Gatta, ma che da oggi è conosciuto sotto il nome di Luana, dopo aver saputo della sua decisione di cambiare sesso. Sposato, con due figli, Della Gatta ha vissuto con la sua famiglia fino a marzo scorso. Nel frattempo ha cambiato percorso di vita e ha iniziato ad assumere ormoni femminili per giungere poi all'operazione vera e propria.
Ha suonato in Cattedrale fino al 31 agosto, salva una parentesi ieri per un impegno preso con degli amici. Nell'occasione ha nuovamente indossato, per l'ultima volta, gli abiti maschili. Gode di un curriculum di tutto rispetto: diploma al conservatorio di Lecce in pianoforte, diploma in musica jazz a Bari, partecipazioni alla Notte della Taranta e collaborazione con l'orchestra della Provincia di Lecce.
Dopo la decisione della Curia, ha deciso di passare alle vie legali, assistito dall'Onig (Osservatorio nazionale sull'identità di genere) perché parla del “primo episodio di intolleranza” che subisce dal momento in cui, venti mesi fa, ha intrapreso il percorso che lo porterà al cambiamento di sesso.
La solidarietà di Luxuria - “Esprimo la mia solidarietà a Luana Ricci, organista della cattedrale di Lecce discriminata in quanto trans. Purtroppo la condizione trans per la Chiesa è addirittura peggiore di quella omosessuale: noi infatti siamo ritenute peccatrici solo per il fatto di essere quello che siamo, anche se decidessimo di restare caste”: è la dichiarazione di Vladimir Luxuria. “Inoltre la Chiesa non riconosce il cambio anagrafico previsto dalla legge 164 e sui libri parrocchiali avviene solo una annotazione e resta il nome maschile - conclude - Voglio continuare a sperare in una Chiesa pronta ad aprire le porte a tutti coloro che sentono il bisogno di una fede da professare”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • chraimo

    14 Settembre 2009 - 09:09

    La vicenda della collega organista titolare del Duomo di Lecce non è la prima che raccolgo nella nostra Italia e al di là della sfera sessuale che credo nessuna persona possa giudicare per quanto cosa intima del proprio io, c'è il comportamento professionale che ancora una volta il sacerdote ha verso un artista che dà la propria prestazione al culto. Molti sono i colleghi presso chiese, basiliche, parrocchie e quasi la totalità sono in servizio senza alcun contratto e con compensi ''a mano?!'', non regolari. L'Enpals potrà verificare bene quante posizioni esistono di organisti che versano contributi per servizi di prestazioni ecclesiali. Mi contattano da tutta Italia e mi parlano dei loro problemi.. es. è il caso del M° F. M. del celebre Santuario di S.R. che dopo 30 anni maestro di cappella e organista, si vede lasciato a casa improvvisamente. E ancora il caso del M° C. R. della basilica S. P. che dopo 10 anni di nero e 4 di co.co.pro, torna dalle vacanze e gli viene proposto un rinnovo del contratto, in nero e sulla fiducia ma "verba volant scripta manem". Personalmente, tendo la mano al collega del Duomo di Lecce e tutti i colleghi in situazioni simili e nel bisogno son pronto ad aiutarli. Sarà forse giunto il momento di cambiar "Musica" maestro@christianraimo.it

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    09 Settembre 2009 - 10:10

    il titolo del pezzo è una battuta incredibile, spero che chi l'abbia scritto se ne sia reso conto e se ne vanti in futuro. Organista cambia sesso!!! marcello marchesi l'avrebbe menzionata con invidia. Saluti alla famiglia

    Report

    Rispondi

  • cagliari

    09 Settembre 2009 - 09:09

    che inquietudine! più pena per (Luana) che per Cristo! sergio.s

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    09 Settembre 2009 - 08:08

    Una volta si diceva che esistessero gli alchimisti che cambiavano il piombo in oro Oggi ci si trasmuta da uomo in donna e viceversa. Con i progressi della genetica e della medicina probabilmente fra un pò ci si potrà anche trasmutare in un animale, magari in una scimmia. Così si chiuderà il cerchio, per quelli che dicono che l' uomo si è evoluto da una scimmia. Evviva !!!! Si torna a casa !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog