Cerca

Piazza dei Miracoli diventa

l'anima del mondo

Piazza dei Miracoli diventa

Piazza dei Miracoli diventa l’anima del mondo. Dal 15 settembre al 9 ottobre va in scena infatti la nona edizione della Rassegna Internazionale di Musica Sacra Anima Mundi, premio Abbiati della critica italiana. Nella splendida cornice della Cattedrale e del Camposanto Monumentale di Pisa, durante le sette serate saranno presentati al pubblico grandi interpreti internazionali ed eventi musicali unici, concepiti appositamente per l’appuntamento di Piazza dei Miracoli. La rassegna Anima Mundi è organizzata dall’Opera della Primaziale Pisana, dal Comune e dalla Provincia di Pisa, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato e presenta quest’anno una grande novità: tutti i concerti saranno gratuiti.

Come ormai da quattro anni, la direzione artistica è affidata a Sir John Eliot Gardiner, che per l’edizione 2009 propone un itinerario attorno al Settecento europeo; l'apertura e la chiusura sono dedicate, infatti, a due fondamentali protagonisti di questo secolo, di cui quest'anno ricorrono gli anniversari: i 250 anni dalla morte di Haendel, i 200 da quella di Haydn. E Gardiner li ricorda con due meravigliosi oratori, tra i vertici della produzione di ambedue gli artisti. La serata d’apertura è prevista per martedì 15 settembre, in Cattedrale, con l’oratorio di G.F. Haendel, Israel in Egypt, affidato alla maestria di Gardiner con il Monteverdi Choir e gli English Baroque Soloists. E sempre in cattedrale l’ultima serata, il 9 ottobre, quando sarà la volta di F.J. Haydn, con La Creazione, oratorio realizzato dal compositore austriaco tra il 1796-1798 e che il maestro inglese eseguirà con l’Orchestre Révolutionnaire et Romantique unita al Monteverdi Choir.

Altri concerti vedono come protagonista il Settecento: quello dedicato alle Sonate e Partite di J.S. Bach, in programma per il 22 settembre nel Camposanto Monumentale, con il ritorno ad Anima Mundi del prestigioso violino di Viktoria Mullova. Quello dell'Arte dell'Arco, con musiche di T. Albinoni, P.A. Locatelli, G. Tartini e A. Corelli affidate all’Orchestra “Vincenzo Galilei”, ovvero i giovani e promettenti archi della Scuola di Musica di Fiesole, preparati e diretti dal celebre violinista Giuliano Carmignola, in programma ancora in Camposanto il 18 settembre. E infine il Settecento è protagonista nella serata del 2 ottobre, nuovamente con F.J. Haydn e Le sette ultime parole di Cristo, eseguito dalLeipzig String Quartet e con la voce recitante del grande attore e regista, Arnoldo Foà.

Un secolo europeo e plurale, il Settecento, in qualche modo simile al nostro, dove la musica aveva una dimensione internazionale e tutti ascoltavano tutti. Ed eseguire in così stretta, ravvicinata successione questi autori, significa poter accostare e capire meglio sia le loro “lingue”, sia l'evoluzione della musica che in quel periodo transita dalla fine del periodo barocco all'inizio dell'età classica. E su questi e altri temi sarà possibile ascoltare proprio il Maestro Gardiner, che terrà un lezione il 16 settembre nella Cattedrale di San Miniato.

 

L’appuntamento del 25 settembre in Cattedrale è invece con il Wiener Saengerknaben, il Coro viennese di voci bianche che vanta una storia di oltre mezzo millennio e una tradizione d’eccellenza. A Pisa, diretti da Manolo Cagnin, eseguiranno musiche di L. de Victoria, D. Buxtehude, J.S. Bach, M. Haydn, J. Brahms. Il concerto con le voci bianche sarà anche un’occasione importante per ricordare i risultati eccellenti cui può condurre l'educazione musicale dei ragazzi.

 

Anima Mundi per il secondo anno propone il Concorso di Composizione Sacra, confermando la propria attenzione alla contemporanea produzione di musica sacra in Italia e nel mondo. Quest’anno sono giunte il triplo di partiture rispetto alla prima edizione del 2008, dato altamente significativo che conferma l’importanza e il valore del concorso e il suo crescente successo tra i giovani compositori internazionali. In prima assoluta saranno eseguiti, il 4 ottobre in Cattedrale, il brano del vincitore, En arche’ en o logos di Stefano Maria Torchio e Il Cantico dei Cantici, oratorio per voci recitanti, solisti, doppio coro e orchestra di Monsignore Marco Frisina, autore significativo nella pluralità di risultati ed espressioni della musica ispirata a temi sacri, composta nei nostri giorni. La produzione sarà ricchissima di musicisti sul palco: questa volta le voci recitanti saranno quelle di Claudia Koll e Luca Lionello, mentre i solisti, Masha Carrera, Svetlana Spiridonova, Alessandro Luciano, Joon Suh Park, sono giovani promesse della vocalità in ambito italiano. Alla Cappella Musicale della Cattedrale di Pisa, ospite consueto di Anima Mundi, sarà affiancato il Coro Musicanova di Roma insieme all’Orchestra del Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara, il tutto diretto dal Maestro Giorgio Fabbri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog