Cerca

Marcia per la libertà di stampa

slitta per attentato a Kabul

Marcia per la libertà di stampa

In segno di lutto per la morte in un attentato suicida di sei militari italiani a Kabul, la Federazione nazionale della stampa (Fnsi) ha deciso di rinviare la manifestazione per la libertà di stampa prevista per sabato a Roma. Lo riferisce oggi in una nota la Fnsi.

"D'intesa con le altre organizzazioni aderenti - Cgil, Acli, Arci, art.21 e numerose associazioni sindacali, sociali e culturali - la manifestazione è stata rinviata ad altra data". "In un momento tragico come questo ci stringiamo attoniti accanto ai nostri morti in Afghanistan", si legge nel comunicato. La manifestazione era stata organizzata dopo che il premier Silvio Berlusconi ha intentato cause legali per diffamazione contro alcuni quotidiani per come hanno riferito dello scandalo sessuale che lo coinvolge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sicilianodoc

    18 Settembre 2009 - 15:03

    Gent.BAUXETIO,penso che nella sua analisi l'errore di fondo sia nel non considerare questa manifestazione di stampo politico,poiche'vi partecipera'la CGIL che prima che essere un sindacato e' un partito politico che di Berlusconi non e'affatto innamorata;in piu'vi parteciperanno esponenti del PD e dell'insieme dell'opposizione.Ora,voglio dire,non basta per capire la dimensione dell'importanza politica che viene attribuita a codesta sfilata piazzaiola dai vari esponenti di sinistra?Poi,per quanto attiene noi berluscones,e'pur vero che a nostra volta,in difesa del premier ci esprimiamo forse in maniera un po'piu'colorita del dovuto,ma e'anche vero che siamo talvolta animati dal senso di ingiustizia agguerrita che viene percepito da noi contro il premier che comunque,penso abbia tutto il diritto di difendersi da tutti quelli che delle malvagita'e dicerie senza fondamento ne hanno proferite tante.Ad ogni modo, oltre alle considerazioni su quanto dicono i berluscones,la invito a leggersi tutti i commenti fatti da chi Berlusconi non lo ama affatto,e riscontrera'che il loro livore non e'solo di carattere politico,ma strettamente personale e fortemente umano,accompagnato da epiteti di vario titolo come NANO-VIAGRA,PSICONANO,IMPOTENTE,PEDOFILO ECC.ECC.Giustissimo,come lei sostiene,criticare il premier per cio'che eventualmente riguarda il suo operato di governo,ma penso che a nessuno di noi faccia piacere ricevere gratuitamente del fango addosso con illazioni inventate di sana pianta come hanno fatto certi giornali di sinistra,come ad esempio L'UNITA',per citarne uno solo.Ad ogni modo,noi elettori di Berlusconi,lo abbiamo votato e finche'questa sinistra non dimostrera'd'avere un'alternativa seria e valida all'attuale premier,continueremo a difenderlo, in quanto ad oggi risulta essere l'unico vero patrimonio della politica italiana e le garantisco che se mai Berlusconi cadra'sara'solo perche'avremo deciso noi,SUOI elettori,di buttarlo giu'anziche'la sinistra,che di questo passo non ne sara'mai capace,ma piuttosto,sta dimostrando di essere capace di annientare se stessa.Un saluto alla famigghia.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    18 Settembre 2009 - 14:02

    Appunto....da una associazione di giornalisti di sinistra.....ca va sans dire. Solo loro possono pensare che in Italia non ci sia libertà di stampa. A sembra un delirio.

    Report

    Rispondi

  • Bauxetio

    18 Settembre 2009 - 12:12

    Spesso i berluscones additano ogni critica al premier come frutto di una "campagna d'odio" o comunque come espressione di un'antipatia nei confronti della persona in quanto tale. Eppure a me sembra che siano essi stessi ad essere animati da un odio viscerale rivolto a tutto ciò che è "sinistra". Anche se non è sempre chiaro cosa sia "sinistra". Per esempio questa manifestazione non è organizzata da alcun organo politico, bensì da un'associazione di giornalisti. Che, in quanto avversi alla condotta di Berlusconi, diventano SINISTRI. Io stesso nutro una certa antipatia nei confronti della sinistra italiana, ma questo non mi impedisce di indignarmi di fronte ai comportamenti di un premier corrotto. Il che mi porta a beccarmi continuamente del SINISTROSO con commenti sarcastici tipo "te e il tuo fransceschini"... Ma che senso ha? Cosa c'entra?? Bisogna che vi rendiate conto che non bisogna per forza essere di sinistra per non condividere la politica di Berlusconi...

    Report

    Rispondi

  • sicilianodoc

    18 Settembre 2009 - 11:11

    I signori che rinviano la manifestazione non lo fanno per"amore"mai mostrato ai soldati italiani,anzi...La loro pura ipocrisia si da'il caso sia dovuta al fatto che in afghanistan i soldati sono stati mandati quando al governo era il centro sinistra presieduto da Prodi.Come manifestare pertanto contro "compagni" stessi che mandano in guerra i nostri soldati? Per la sinistra ci sono soldasti e soldati!Provate ad immaginare se quei morti ammazzati in quel modo fossero stati soldati italiani in Iraq.Poiche'in Iraq sono stati mandati dal governo Berlusconi,alto che manifestazioni di piazza contro la mancanza di liberta'd'informazione...questi inetti avrebbero fatto la rivoluzione e sfasciato tutto cio'che trovavano davanti al loro cammino con tanto di striscioni inneggianti al vile terrorismo islamico.Scusate,ma la storia narra questi fatti ed insegna a stare sempre in guardia da simili individui.E per favore signori di sinistra del blog non venite a dirci che usiamo parole grosse ed offensive nei vostri riguardi,perche'la cosa piu'vile che si possa fare e'seguire questo modo ignobile di vedere la politica e l'avversario politico,considerato per voi nemico da abbattere sempre e comunque.Guardatevi allo spechio prima di giudicarci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog