Cerca

Massimo scrive a Sanaa

"Eri la mia dea per la vita"

5
Massimo scrive a Sanaa
L'ha scritta di notte e avrebbe voluto lasciarla nella bara di Sanaa. Ma nemmeno questo gli è stato concesso. Massimo Di Biasio, il fidanzato della ragazza uccisa dal padre islamico, ha lasciato la sua lettera d'amore ai giornalisti.Eccola: " tempi di felicità, erano giorni di gioia… la sbirciavo da tutti gli angoli facendo finta di lavorare o stavo solo là fermo immobile con gli occhi che non riuscivano a staccarsi da questo sorriso, guardavo le mani stupende e signorili, guardavo gli occhi penetranti quanto basta per farti girare la testa. Le guardavo i capelli lisci e lunghi o ricci, un riccio che io ne andavo matto. Guardavo le sue braccia morbide il suo collo fine e molto elegante, guardavo le sue guance splendide e un po’ rossicce,guardavo le sopraciglia che lei ne aveva molta cura, la guardavo quando parlava con altri sorridendo e mi faceva felice perché con il suo sorriso faceva felice anche la persona davanti a lei.

Ricordo quando ti toccavo i capelli vicino alla fronte e li arrotolavo sulle mie dita e mi dicevi con una vocina fine fine no, non toccare i capelli.

Eri la dea che avrei sempre voluto assieme e che mi accompagnasse per tutta la vita…

Ogni momento della giornata ci sentivamo e ci chiamavamo, di certo tra i due la più bella eri tu e io ne andavo matto, tutte le tue attenzioni, le creme che mi mettevi la sera o in macchina alle mani e mi dicevi ridendo che non dovrei lavorare troppo, “tu lavori troppo” (mi diceva sorridendo).

Ho avuto l’onore di poter godere della tua compagnia, dei tuoi pensieri,perché pensavi tanto a me come io pensavo a te tanto immensamente.

Non vedevo l’ora che la sera arrivavi a lavoro, portandovi felicità facendo anche un po’ la stupidina.

Sei stata veramente unica nell’insegnarmi la tranquillità. Mi mancherà tantissimo il gesto che mi facevi quando mi vedevi stanco. I palmi delle mani me li appoggiavi sugli occhi coprendo tutto quello che c’era da vedere ma io in quei momenti ero come in trance, ero dentro te spaesato addirittura inebriato dalla totale calma che riuscivi a trasmettermi. L’amore l’ho cercato a lungo e l’avevo trovato.

I love you my love"

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    22 Settembre 2009 - 09:09

    Il colpo di genio mi lascia sempre senza fiato! Non avevo pensato che per evitare un omicidio (brutale, animale e chi più ne ha più ne metta) bastasse non stare con una ragazza di religione diversa. Dicono che la mancanza di ossigeno alla nascita e in vita, danneggi il cervello irrimediabilmente; bene , aprite la bombola e fate respirare un cretino simile. Castronerie di questo genere lasciano stupiti la maggior parte dei soggetti dotati di un minimo di intelligenza. Vergognati.

    Report

    Rispondi

  • DESDEMONE

    20 Settembre 2009 - 17:05

    Queste persone se così tali si possono chiamare,farebbero bene a non venire in Italia se non amano la cultura occidentale. Un Cane merita più rispetto del padre e della madre di Sanaa che sono solamentente spazzatura in questo mondo che ha bisogno di amore e non di odio e sangue.

    Report

    Rispondi

  • forzadoria

    20 Settembre 2009 - 17:05

    C'è gente che non vede l'ora di sparare condanne, come se avesse la verità in tasca e avesse diritto a giudicare. Ma che ne sa, chi si firma talidea, come si permette di dire che il fidanzato è irresponsabile e menefreghista? Lo conosce? Immagino di no. Allora taccia. Di fronte a una tragedia simile, al massimo si può esprimere solidarietà, che comunque dubito arriverà all'interessato. Per il resto, se si sta zitti si fa meno danno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media