Cerca

Afghanistan, Napolitano:

non conta la contestazione

Afghanistan, Napolitano:
Il "larghissimo sostegno dell'opinione pubblica e delle forze politiche all'impegno di militari italiani in missioni di pace all'estero", condiviso dalle "forze fondamentali dell'opposizione - sostiene il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - è "un dato rilevante e importante, che non può essere scalfito da episodi di becera e indegna contestazione ai quali non può essere attribuito alcun peso e rilievo effettivo". Il presidente della Repubblica interviene dopo le accuse all'opposizione fatte ieri da Silvio Berlusconi durante la festa del Pdl a Milano.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    29 Settembre 2009 - 10:10

    Mi sono rotto le scatole di una destra che si fa rovinare da pochi elementi ottusi, stupidi e provocatori. Ma ci rendiamo conto delle figure indegne che facciamo, per colpa di pochi incapaci? Gente che SI INVENTA CAZZATE e dice che l'opposizione esulta per il 'meno sei', e quanti fessi abboccano pure! Persino il capo dello stato, con fastidio, deve intervenire per smentire tale cazzata. Per non dire, poi, della gente che STOLTAMENTE PROVOCA il capo dello stato attaccandosi a delle inezie, anche in occasione di eventi funesti. Ma le critiche non si risparmiano per le cose serie? Ma perche' bisogna sempre fare delle figure del piffero??? Dovremmo renderci conto che l'opposizione e' una nullita', quelli sono davvero ai livelli minimi grazie alla loro incapacita' e alla loro inconcludenza (per non parlare dell'avidita' di potere), eppure riescono a galleggiare (*_*) solo perche' le poche mele marce della destra offrono il fianco a continui attacchi, per colpa delle loro continue cazzate. Io una destra cosi' NON LA VOGLIO. Io voglio che quelle mele se ne vadano... e voglio che chi resta possa FINALMENTE GOVERNARE BENE IN PACE E CON EQUITA'. E ciao ciao alla sinistra inutile! Pubblicatelo. [UFFA anche questo forse e' partito doppio, se e' cosi' cancellatelo]

    Report

    Rispondi

  • ziogianni

    29 Settembre 2009 - 08:08

    ***Egregio sior presidente, mi potrebbe schiarire la mente? Se non contano le "bravate" di sinistroidi estremi, certi individui che scrivono sui muri - 6 e che comunque già a Genova scrissero - 11 riferendosi ai Carabinieri uccisi e tutt'ora non condannati dalla sinistra, anzi...protetti ed eletti, perché allora per due ragazzine una di 14 anni italiana ed una ucraina di 15 che (?) a Roma sul Bus 059 (tor bella monaca) abbiano schiaffeggiato una extracomunitaria, già falsa avendo dichiarato che, le è stata fatta una multa dalla Polizia intervenuta, di 3.000 euro il che, non è vero, dicevo perché tanta caciara sul razzismo? Glielo dico io il perché! Anzi no! Altrimenti sarei censurato. Comunque: se semo capiti? Non tutti ci facciamo prendere per i fondelli!. Mica ci son soltanto i beceri nella Nostra Patria.*

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    28 Settembre 2009 - 20:08

    Signor Presidente Lei ben conosce il significato di svolgere un ruolo politico a seconda delle proprie ideologie e le difficoltà che molte volte si incontrano o per incomprensione oppure per facinoroseria.Lei,come me,ha origini nell'ex PCI e pertanto,non può dimenticare i famosi scontri sulle strade tra le camionette della celere volute da Scelba e le fazioni sia degli ex fascisti che democristiani, eppure,tutti siamo stati capaci di incontraci e dare mano a ricostruire questo nostro amato Paese.La sinistra estrema, a causa di qualche avventato politico da strapazzo,ha operato in modo che nelle ultime elezioni uscisse definitivamente da quelle aule che rappresentono il baluardo politico della democrazia e della libertà in Italia; ebbene, noi tutti dobbiamo fare in modo che la sua voce sia ascoltata e non dileggiata da qualche sprovveduto politico del PdL. Tutta l'opposizione è tenuta a rivedere tutta la sua impostazione metodologica nel fare politica ma,nel contempo, il Presidente Berlusconi ed alcuni suoi ministri, sono tenuti,parimenti, a comportaersi non da fascisti arroganti ma da democratici educati anche ad ascoltare oltre che le proposte anche le critiche che la stessa opposizione volge al Capo del Governo. Molti anni orsono uno spavaldo ed ignorante faccenderos politico volle alzare la voce contro le istituzzioni democratiche e tutti sanno che fine fece. Oggi,siamo tutti pari dinanzi alla democrazia ed allora,ognuno la smetta di sentirsi superiore agli altri ed inizi a colloquiare con gli stessi per il bene di tutti noi. Con Stima Nicola Guastamacchia

    Report

    Rispondi

  • therock

    28 Settembre 2009 - 20:08

    cara amica, qui chi ha perso un'occasione per tacere è stato berlusconi che ieri a milano ha urlato un'indegna menzogna dicendo che l'opposizione (e non pochi deficienti) hanno commesso azioni vergognose denigrando i militari caduti; questo non è vero, fino a prova contraria l'opposizione è quella regolarmente eletta che siede in parlamento e nessuno ha fatto mancare solidarietà a vicinanza ai nostri soldati. A marcare le distanze chiedendo il ritiro sono stati Bossi nella maggioranza e Di Pietro nell'opposizione. Quelle vergogne scritte sui muri non appartengono all'opposizione, non appartengono a chi, come me, ha votato per partiti dell'opposizione e Berlusconi dovrebbe vergognarsi per quello che ha detto invece di mandare qualcuno a chiarire e meglio interpretare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog