Cerca

Finto pediatra per vent'anni

Non ha mai avuto la laurea

Finto pediatra per vent'anni
 Esercitava la professione di pediatra da vent'anni e partecipava a convegni internazionali. Davanti al suo studio presso l'azienda ospedaliera Salvini di Garbagnate e presso quello privato di Pero, nell'hinterland milanese, i genitori con i loro bimbi facevano la fila. Ma, secondo le indagini dei carabinieri di Rho coordinati dal capitano Necci, sarebbe stato appurato che Marco Bassi, 54 anni, medico non era. Ed ora, dopo avere presentato una lettera di dimissioni il 5 settembre scorso, Bassi risulta irreperibile. Non c'é ancora una formale iscrizione nel registro degli indagati ma é solo questione di ore. Non esclusi nemmeno provvedimenti restrittivi nel caso i magistrati inquirenti ravvisino il pericolo di inquinamento delle prove. Marco Bassi lavorava nell'azienda ospedaliera di Rho dal 1990. Secondo quanto rivelato dalle indagini, di cui ha dato notizia stamane anche il Corriere della Sera, aveva prodotto tutta la documentazione necessaria ma, dicono gli investigatori "c'é ormai la quasi certezza che l'indagato non avesse i titoli necessari e che abbia esercitato abusivamente la professione medica". Ora le ipotesi di reato sono di truffa, esercizio abusivo della professione, falsità ideologica e materiale. Come non bastasse, la posizione di Bassi potrebbe ulteriormente aggravarsi in caso di eventuali azioni risarcitorie promosse dai pazienti. Sconcerto sia all'interno dell'ospedale che tra i pazienti. Bassi, infatti era molto stimato come pediatra. "Un grande colpo" è la frase che ricorre più frequentemente in queste ore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    30 Settembre 2009 - 12:12

    Non è il primo caso di falso medico e di esercizio abusivo della professione di Esculapio. Sono stati incastrati ortopedici che operavano tranquillamente ed avevano anche una clientela scelta, ginecologi, neurologi, insomma un po' di tutto e di più. Questo dimostra che per esercitare la professione medica ci vuole soprattutto un certo modo di fare. Accattivarsi la simpatia della gente che ha un distorto concetto di bravura: "com'è bravo quel medico!" Perchè indovina la diagnosi e guarisce la malattia? Niente affatto! Dipende se hai sempre il sorriso sulle labbra,se sei disponibile e pronto ad ogni chiamata se non dai mai segni di impazienza ....isomma se ci sai fare. Si chiama indicatore di primo impatto, come dire che un ospedale funziona perchè ha i bagni sempre puliti. Se poco poco sei un bravo medico e fai diagnosi e guarisci ogni cosa anche la più difficle, ma sei corrucciato, con le ciglia sempre aggrottate, il volgo ti giudica da subito un brutto tipaccio e ti confina ai margini. E così succede che con un po' di bonomìa anche uno qualunque riesce a fre il pediatra. Impara due farmaci uno per la febbre e l'altro pe le "cacarelle", qualche latte artificiale ed il gioco è fatto. Se rischi fai subito il ricovero e spedisci il pupo in ospedale da quei 4 fessi stipendiati dallo stato duecento volte meno di una Dandini qualunque. Basti pensare a quanti vanno dai guaritori, dai pronoterapeuti che hanno le mani calde non so di quanti gradi, dagli omeopati centesimali, dai maghi,dalle streghe,da Vanna Marchi,dal mago di Napoli, dai guaritori filippini che ti operano con le mani......insomma cari amici il popolo è quello che è e come tale va trattato. Almeno questo si spacciava per pediatra. Tanto di cappello. Chapeaux!

    Report

    Rispondi

blog