Cerca

Immigrazione, la Consulta:

sì all'aggravante-clandestinità

Immigrazione, la Consulta:
Le questioni di legittimità sollevate da diversi Tribunali sull'aggravante di clandestinità, introdotta dal decreto legge sicurezza nel maggio 2008, hanno ricevuto un primo stop dalla Corte Costituzionale. La Consulta, secondo indiscrezioni, ha infatti deciso per l'inammissibilità del ricorso sollevato dal Tribunale di  Livorno e per la restituzione atti di altri
due ricorsi dei giudici di Ferrara e Latina. La decisione è stata presa dalla Consulta in una camera di consiglio della scorsa settimana (quando è stato bocciato il 'Lodo Alfano') e sarà contenuta in un'ordinanza che verrà depositata probabilmente la prossima settimana.  Seppure circoscritta all'aumento delle pene fino a un terzo per gli immigrati irregolari che delinquono, la legittimità dell'aggravante di clandestinità veniva ritenuta, negli ambienti della maggioranza di governo, un banco di prova anticipato anche per quanto riguarda la valutazione della Consulta sul reato di clandestinità, introdotto la scorsa estate dal ddl sicurezza.
La Corte Costituzionale (giudice relatore Gaetano Silvestri) nel decidere per l'inammissibilità e per la restituzione atti dei ricorsi, di fatto non li ha analizzati nel merito, ma si è fermata prima: la questione sollevata dal Tribunale di Livorno sarebbe stata ritenuta dalla Consulta mal posta, vale a dire non sufficientemente motivata sulla rilevanza; per quanto riguarda gli altri due ricorsi di Ferrara e Latina, la Corte li avrebbe restituiti dal momento che, circa un anno dopo l'aggravante di clandestinità, è entrata in vigore un'altra norma, l'art.10 bis che punisce con ammende fino a 10mila euro chi si trova illegalmente senza permesso nel territorio italiano. Proprio alla luce dell'introduzione del reato clandestinità, la Corte Costituzionale ha pertanto deciso di rispedire indietro i ricorsi affinchè i giudici di Ferrara e Latina valutino se, in seguito alle ultime modifiche legislative, sussistano ancora i requisiti per considerare rilevante la censura di legittimità delle nuove norme sull'immigrazione.

Per conoscere il pronunciamento definitivo della Corte sulla legittimità di una delle misure più importanti contenute nel 'pacchetto' sicurezza del governo bisognerà attendere la decisione nel merito dei ricorsi sul reato di clandestinità: una delle prime questioni di legittimità è stata sollevata dal giudice di Torino Alberto Polotti di Zumaglia, che ha così accolto la richiesta della procura guidata da Giancarlo Caselli nel corso di un processo a un giardiniere egiziano irregolare.
Il ricorso - in cui si chiede alla Corte di verificare innanzitutto la ''ragionevolezza" della norma - non è stato ancora iscritto al ruolo delle cause che i giudici costituzionali dovranno affrontare a breve.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • falconiere2

    13 Ottobre 2009 - 20:08

    Diventa sempre più netta, almeno a me, la convinzione che la Consulta debba essere eletta dal popolo delle Regioni. Gli attuali componenti, sappiamo, sono stati nominati menbri della Consulta dai partiti e da Presidenti della Repubblica. Direi maliziosamente e in modo tale che la maggioranza sia sempre tendenzialmente di sinistra. Infatti sono 11 a 4 dove gli 11 sono di quella tendenza e i 4 apolitici.

    Report

    Rispondi

blog