Cerca

Giustizia, lo stop di Fini al governo:

"Pm non sottoposti ad altri poteri"

Giustizia, lo stop di Fini al governo:

“I pm non devono essere sottoposti ad altri poteri”. No chiaro e netto del presidente della Camera, Gianfranco Fini, a riforme in materia di giustizia che possono mettere in discussione autonomia e indipendenza della magistratura, sottoponendo il pubblico ministero a forme di controllo e/o dipendenza da poteri diversi dall’ordine giudiziario: Parlamento o Governo che siano. "Non si può - dice Fini a proposito delle diversi ipotesi di riforma della giustizia - esprimere valutazioni su ciò che si dice o si pensa: dobbiamo stare ai fatti. E in Parlamento sono al momento pendenti diverse proposte di riforma sulla giustizia. Vedremo se e quali andranno avanti. Ma c'è un tema - sottolinea il presidente della Camera rispondendo ai giornalisti a Francoforte a margine della Fiera del libro - sul quale non ho affatto cambiato idea: è essenziale che venga comunque rispettato l'attuale principio costituzionale di autonomia e indipendenza di tutti i magistrati. E sottolineo tutti...". "È del tutto evidente - chiarisce ancora la terza carica dello Stato- che una cosa è pensare e prospettare di distinguere le carriere dei magistrati rimanendo tutti all’interno dell’ordine giudiziario, altro sarebbe prospettare di mettere l’ufficio del pubblico ministero sotto il controllo o alle dipendenze di un altro potere dello Stato. Questo non è accettabile: l’indipendenza della magistratura è un valore costituzionale fondamentale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog