Cerca

Il Csm promuove il giudice

della sentenza Mondadori

Il Csm promuove il giudice
Torna a far discutere sia pur indirettamente la vicenda che ha già suscitato tante polemiche sulla sentenza del Lodo Mondadori. A scatenare la polemica stavolta è la decisione del Cms di promuovere Raimondo Mesiano, il giudice del tribunale civile di Milano che ha condannato la Fininvest al risarcimento di 750 milioni di euro a favore della Cir di De Benedetti. Con una delibera, che ne sottolinea ''indipendenza, imparzialità ed equilibrio'', il plenum del Csm ha dato infatti una promozione a Mesiano la cui sentenza sul Lodo Mondadori è stata pesantemente contestata sia dal presidente del consiglio, che l'ha definita un'enormità giuridica, sia dai capigruppo del Pdl a Camera e Senato che hanno parlato di ''disegno eversivo''.

Il plenum di Palazzo dei Marescialli ha riconosciuto a Mesiano il massimo grado raggiungibile da un magistrato nella sua carriera, sancendo il superamento da parte sua della settima valutazione di professionalità. Un provvedimento motivato da ''indipendenza, imparzialità ed equilibrio'' e anche da ''capacità, laboriosità, diligenza ed impegno dimostrati” da Mesiano nell'esercizio delle sue funzioni. La promozione è passata all'unanimità e senza nessuna discussione ed era inserita in un ordine del giorno speciale. Il provvedimento è retroattivo, visto che il riconoscimento decorre dal 13 maggio del 2008 e comporterà per il magistrato un aumento di stipendio oltre alla possibilità di concorrere per incarichi che sinora gli erano preclusi. Intanto martedì prossimo la Prima Commissione aprirà una pratica a tutela di Mesiano, dopo gli attacchi ricevuti per la sentenza sul Lodo Mondadori.

Ricorso di Fininvest - La Fininvest presenterà appello contro la sentenza del Tribunale di Milano del 3 ottobre 2009 sul Lodo Mondadori che l'ha condannata al pagamento di 750 milioni di euro alla Cir di Carlo De Benedetti. Il Cda di Fininvest si è riunito oggi sotto la presidenza di Marina Berlusconi. La holding della famiglia Berlusconi in una nota ha precisato che sara' proposta istanza di sospensione dell'esecutivita' della sentenza.

Lupi (Pdl): “Basta colpire Berlusconi per fare carriera” – “Finalmente abbiamo in Italia un'istituzione  che si fonda sul merito. La promozione del giudice Mesiano da parte del Csm dimostra che in Italia fanno carriera non solo i 'figli di, anche un semplice magistrato può ambire al successo. Il segreto? Basta colpire Berlusconi. E pensare che c'è qualcuno  che ha la faccia tosta di dire che la magistratura è indipendente''. Così Maurizio Lupi, deputato del Pdl e vicepresidente della Camera, ha commentato la decisione del Csm.

Gasparri: “Umorismo involontario”
- "A volte si assiste a casi di umorismo involontario. Capita vedendo che il Csm ha promosso oggi all'unanimità il giudice Mesiano, autore della nota sentenza secondo la quale la Fininvest dovrebbe dare cifre faraoniche a De Benedetti". Lo ha affermato, in una nota, il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri.

Pecorella: “Riconoscimento poco opportuno”
  - "Il Csm sottolinea l'indipendenza, l'imparzialità e l'equilibrio di Mesiano. La tempistica della promozione, all'indomani dell'incredibile sentenza, è ovviamente frutto del caso. Ma il tutto, come in certe commedie televisive - aggiunge Gasparri- meriterebbe l'accompagnamento di risate del pubblico. Di Mesiano si loda anche la laboriosità. Testimoniata dal fatto che ha emesso la sentenza di sabato e senza ricorrere a perizie. Il Csm meriterebbe una menzione speciale. Altri commenti sarebbero superflui. Per evitare querele e perchè la realtà incredibile supera ogni fantasia e ogni giudizio". ''Non conosco la carriera e le doti professionali del giudice Mesiano e quindi non esprimo nessun giudizio nel merito della decisione del Csm. Ma dopo la sua sentenza sul Lodo Mondadori e dopo le polemiche che ne sono seguite questo riconoscimento mi sembra forse poco opportuno''. Gaetano Pecorella (Pdl) legale del premier raggiunto telefonicamente, commenta così la decisione del plenum del Csm di conferire un riconoscimento a Raimondo Mesiano.
   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    15 Ottobre 2009 - 13:01

    Spero proprio che Berlusconi cambi in maniera totale il sistema giustizia, ormai inguardabile e incontrollabile, cosa che da un bel pò sta sperimentando sulla sua stessa pelle. Questa magistratura non ha proprio vergogna!

    Report

    Rispondi

  • rugantino

    15 Ottobre 2009 - 09:09

    Meriterebbero una medaglia al (loro) valore; ulteriormente dimostrato che per far karriera basta impegnarsi strenuamente nell'antiberluskonismo più totale: promosso sul campo per la sua imparzialità, ke farsa; però, gli aumenti di stipendi, perchè 'retroattivarli' di un solo anno e non fino dall'anno di nascita del malefico SB?? 73 anni di competenze retroattive valgono sicuramente più di una medaglia al merito!

    Report

    Rispondi

  • torematore

    15 Ottobre 2009 - 09:09

    L'Italia é malata, la sua malattia si chiama: CSM; un cancro che bisogna assolutamente fermare dopo questo episodio riguardante la promozione del "Sig" Mesiano per meriti a dir poco spregevoli e meramente, palesemente politici che indicano quanto la Magistratura sia in combutta con la sinistra. Per evitare che questo cancro produca metastasi agli altri "organi" della nostra amata Patria che si chiama Italia bisogna veramente sperare in una vera epurazione nel CSM a partire dal Presidente della Repubblica.

    Report

    Rispondi

  • vincenzomorlando

    15 Ottobre 2009 - 09:09

    Sono troppo adirato per esprimere un giudizio sereno ed imparziale.Mi limito soltanto a dire:vergognatevi miserabili mezzi uomini.Verrà un giorno,spero non troppo lontano, che pagherete per tutto quanto fatto.Quel giorno spero di essere in prima fila e"sputarvi"in faccia tutto il mio odio,disgusto e disprezzo.Cap.ULTIMO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog