Cerca

Terremoto, Berlusconi

consegna 240 nuove case

Terremoto, Berlusconi
 Silvio Berlusconi ha rimarcato ancora una volta che la vera politica è quella del “fare” che lui stesso predilige e mette in atto e non quella delle polemiche di queste settimane. Lo ha fatto in occasione della consegna a Cese di Preturo, in provincia dell’Aquila, di 240 nuove abitazioni . Il premier ha visitato diversi appartamenti e si è soffermato a chiacchierare con tutti i neoinquilini. "Avete preparato per fare un brindisi? Allora arrivo". Ha detto a una famiglia. Berlusconi si è soffermato a leggere una poesia sulla terribile esperienza del terremoto che un bambino gli ha regalato. "Bravo, complimenti". A una signora che gli ha detto di essere originaria di Vigevano, il premier ha risposto: "Allora qua può riprendere le sue vecchie abitudini e fare footing". Ma la signora gli ha risposto: "ormai sono vecchia". Ma il premier non ha desistito e nel salutare la signora da fuori ha ripetuto: "Mi raccomando il footing".
Il premier ha avuto parole di elogio per le costruzione realizzate a Preturo. "Restare qui sapendo che c'è una sicurezza assoluta e guardare fuori e vedere la vostra terra così bella è una gioia", ha detto. Berlusconi è poi tornato a ricordare il tempestivo intervento dopo il terremoto del 6 aprile rispondendo alle domande del giornalista francese:"Questa è una cosa che può diventare un modello", ha sottolineato, "mai quando c'è stata una catastrofe si è avuta una risposta simile". Questa, ha insistito, "è la vera politica, è la politica del fare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • logic03

    17 Ottobre 2009 - 10:10

    andate in Abruzzo e poi parlate..io ci vado spesso, potrei dire qualcosina di più, però evito perchè mi sono stancata per ora di leggere tutte queste corbellerie che scrivete. Informateviii!!!

    Report

    Rispondi

  • toninopintus

    17 Ottobre 2009 - 10:10

    In questa occasione, come nelle precedenti consegne di abitazioni, Berlusconi non ha esaltato se stesso ma gli italiani e la capacità di quanti hanno operato in Abruzzo dopo il sisma: protezione civile, volontari, organizzazioni umanitarie, ecc. A chiamarlo in causa in prima persona, ogni volta, sono gli esponenti della sinistra con obiezioni tipo: perché case di legno e cemento armato e non granito? Perché palazzine a due-tre piani e non grattacieli? Perché costruire a ponente e non a levante, a sud e non a nord? Perché alberghi e residence e non condomini popolari di periferia? La ciliegina sulla torta, poi, la metteranno gli inviati di certe tv a caccia di scoop inesistenti, quando ci mostreranno quelle poche persone rimaste in tenda e ci diranno: "questi signori vivono ancora in tenda mentre arriva il freddo!" Ma non ci diranno mai il perché, cioé la verità: quelle persone sono rimaste in tenda per loro scelta autonoma e hanno rifiutato di andare in una vera casa per ragioni personali.

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    16 Ottobre 2009 - 21:09

    Questo è l'unico modo efficace che Berlusconi ha per rispondere alle opposizioni e coloro che tentano il golpe in Italia. Le chiacchiere le facciano chi per decenni ha governato il ns paese per loro esclusivo interesse di bottega. Berlusconi continui ad occuparsi dei problemi degli Italiani e delle emergenze, producendo insieme ai suoi Ministri il programma di Governo che la maggioranza degli Italiani hanno votato.Avanti così Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • antari

    16 Ottobre 2009 - 19:07

    le ha fatte fare lui, le case?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog