Cerca

Bersani: "Antiberlusconiano

è chi manda a casa il premier"

Bersani: "Antiberlusconiano
Conto alla rovescia per le primarie del Pd. Nella sfida televisiva su Youdem di oggi i tre candidati alla guida del Pd si sono scontrati sul valore del voto alle primarie. Da una parte Dario Franceschini e Pierluigi Bersani pronti al lodo Marini-Scalfari, dall'altra Ignazio Marino che chiede il rispetto alla lettera delle regole e, quindi, la conferma del ballottaggio in caso nessuno raggiunga il 50%. Per Bersani saranno i cittadini a scegliere già domenica: "Le primarie sono un'esperienza preziosa che si collega al lavoro degli iscritti. I cittadini decideranno, perchè ci sia l'affermazione di uno di noi in prima battuta". Dario Franceschini ha assicurato che se sarà eletto segretario
non toglierà "mai ai cittadini il diritto di scegliere il segretario". Marino conferma la sua richiesta di ballottaggio: "Le regole non si cambiano in corsa".
Diversi anche gli accenti sull'attualità politica. "Se sarò rieletto segretario mi impegno a fare una opposizione più ferma e intransigente e mi metterò di traverso con tutte le mie forze per evitare una nuova stagione di inciuci, sorrisi e pacche sulle spalle", ha detto Franceschini: non si può fare accordi con chi "calpesta le regole, il Parlamento, gli organi di garanzia". Per Bersani: "Il più grande anti-berlusconiano è chi lo manda a casa" e per farlo serve "una grande alleanza". Marino insiste sulla laicità: "Se non credi nell'uguaglianza delle persone non puoi stare nel Pd e perchè quelli che non si sentono laici dentro il cuore a questo giro non li lasciamo a casa? La Binetti doveva essere lasciata a casa due anni fa" quando creò problemi con il suo voto sulla sopravvivenza del governo Prodi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marclands

    17 Ottobre 2009 - 12:12

    Ma che diavolo di male vi ha fatto Bersani??Castelli ad Annozero continuava e dargli della persona intelligente e seria!Sbaglia Castelli allora?Addirittura paragonato alle RAZZE PEGGIORI:QUELLA DEI VILI E DEGLI ANTI-ITALIANI!ahahahaha!Ma mi chiedo cosa avrà detto e fatto di male quest'uomo??Perchè definirlo anti-italiano?Perchè è all'opposizione e non è d'accordo su come governa il cav?Non si sa nemmeno se diventerà segretario e voi lo mettete già alla gogna!Mamma mia che tristezza!

    Report

    Rispondi

  • gabrilella

    17 Ottobre 2009 - 12:12

    è chi non ha capito niente del popolo, chi ha in testa solo far casere una persona piuttoso che pensare ai veri problemi, forse bersani pensa di avere la capacità senza ricorrere alla slealtà di essere luui il grande?

    Report

    Rispondi

  • vincenzomorlando

    17 Ottobre 2009 - 11:11

    Secondo me il più grande e "vero"degli Italiani sarà colui che riuscirà a cancellarvi definitivamente e,spero in modo traumatico, dalla faccia della terra.Il "comunismo"è stato,è,e sarà il più malvagio e aberrante dei modi per sottomettere i popoli,negandogli libertà e vita.E questi "nostri comunisti"appartengono alla razza peggiore:quella dei "vili" e degli anti-italiani.Cap.ULTIMO

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    17 Ottobre 2009 - 10:10

    Caro Bersani, se diventi segretario,i Berlusconiani come noi tremeranno di paura. Ma che cosa volete fare, siete finiti, contate zero, non riuscirete piu' a tirar su la testa.. Percio caro Bersanoide fatti avanti e vedrai che in poco tempo ti rifarai indietro. Berlusconi vada avanti con tutte le riforme. Governera ancora per lungo tempo. E voi farete i cicci come le patate vecchie, in cantina, insieme a baffetto. Viva L'Italia quella VERA.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog