Cerca

Appalti truccati, 63 indagati

Coinvolta anche lady Mastella

Appalti truccati, 63 indagati
Sono 63 gli indagati tra politici, dirigenti della Pubblica amministrazione, professionisti ed imprenditori campani coinvolti nell'operazione congiunta condotta dai comandi provinciali dei carabinieri di Caserta e della Guardia di Finanza di Napoli su appalti e assunzioni. Il filone dell'indagine, nella quale sono state adottate 25 misure cautelari personali, riguarda l'Arpac, l'Agenzia regionale per la protezione ambientale. In particolare, gli uomini dei Carabinieri e della Guardia di Finanza hanno accertato, tra l'altro, l'esistenza di un'associazione a delinquere finalizzata alla commissione di una serie di truffe, falsi, abusi di ufficio, turbative d'asta e concussioni commessi nell'ambito della gestione di appalti pubblici, concorsi finalizzati all'assunzione di personale ed affidamento di incarichi professionali nella Pubblica Amministrazione.

Sandra Lonardo Mastella: "Mi è crollato il mondo addosso" - Nell'inchiesta  risulta indagato anche il presidente del Consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo, moglie dell'ex ministro Clemente Mastella, destinataria di un provvedimento di divieto di dimora che riguarda tutta la regione Campania e non soltanto la città di Napoli come si era appreso in un primo momento. ''Sono quasi svenuta. Mi è crollato il mondo addosso. Mi chiedono di dimorare fuori della
Campania. Ancora non riesco a crederci. Con mio marito sarei a capo di una cupola affaristica. Senza spiegarci cosa avremmo fatto''. Questa la prima reazione di Sandra Lonardo, in una lettera aperta ai cittadini della regione in merito all'inchiesta che la vede coinvolta - destinataria di un divieto di dimora - insieme con il marito Clemente Mastella, il leader dell'Udeur.

L'inchiesta: coinvolta tutta la famiglia Mastella - Gli attuali sviluppi dell'inchiesta su appalti e assunzioni, condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, scaturiscono dall'unificazione di due indagini riguardanti presunti episodi di corruzione e concussione di esponenti dell'Udeur della Campania, tra i quali lo stesso leader del partito, Clemente Mastella, all'epoca ministro della Giustizia. Oltre a Mastella e alla moglie, presidente del consiglio regionale campano, sono coinvolti nell'inchiesta, secondo quanto si è appreso, anche il consuocero di Mastella, Carlo Camilleri, che è anche segretario generale dell'Autorità di Bacino sinistra Sele, l'ex direttore dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente della Campagnia (Arpac), Luciano Capobianco, e il consigliere regionale dell'Udeur Campania, Nicola Ferraro. In un file del pc sequestrato nella sede dell'Arpac, da cui è scaturita l'indagine, c'erano i nomi delle assunzioni o delle consulenze segnalate in base a segnalazioni di uomini politici. È  quanto emerge dall'inchiesta che riguarda, secondo quanto si apprende, anche la realizzazione di una nuova sede della sede della stessa Arpac.

L'appoggio della camorra all'Udeur - Clan camorristici di Marcianise (Caserta) appoggiarono l'Udeur in occasione delle elezioni regionali del 2005: è quanto emerge dall'indagine su assunzioni e appalti pilotati con epicentro l'Arpac, l'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania. Questa parte dell'indagine è stata stralciata e consegnata alla Direzione distrettuale antimafia (Dda).

Perquisizioni dei Carabinieri in Consiglio Regionale - Perquisizioni da parte dei carabinieri sono in corso nella sede del Consiglio regionale campano, al Centro Direzionale. I militari dell'Arma stanno passando al setaccio atti e documenti trovati negli uffici del gruppo consiliare dell'Udeur e in quelli del presidente del Consiglio, Sandra Lonardo, al tredicesimo e al ventesimo piano dell'edificio. Nonostante sia stato privato della sua guida, il Consiglio regionale in programma oggi dovrebbe svolgersi regolarmente: questo è l'orientamento che emerge e che dovrebbe essere confermato dalla riunione, in corso, dell'ufficio di presidenza. La seduta, al cui ordine del giorno c'è la discussione del piano casa, sarà presieduta a turno dai due vice della Lonardo: Salvatore Ronghi e Gennaro Mucciolo. Proprio a quest'ultimo, stamani intorno alle 8, il presidente del Consiglio Lonardo ha comunicato con una telefonata la sua impossibilità a presiedere l'assemblea. ''È giusto che il Consiglio vada avanti con la sua attività legislativa e non si faccia influenzare da fattori esterni'', ha commentato Ronghi spiegando la sua intenzione di aprire regolarmente la seduta. ''Dobbiamo andare avanti'', la posizione espressa anche dall'altro vicepresidente Gennaro Mucciolo. La seduta è convocata per le 12.30.
 



 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • boraco

    22 Ottobre 2009 - 09:09

    non dimentichiamoci che ha fatto parte di quella politica di sx,che ne è uscito fuori solo per vendetta personale,ma sono ancor più allibita che sia stato inserito nel governo Berlusconi....che avesse ragione De Magistris?..

    Report

    Rispondi

  • rufus_1956

    21 Ottobre 2009 - 17:05

    che novità...il mastellao&compagna indagati per gli appalti truccati, che stia a sinistra(ministro della giustizia) o che stia a destra (europarlamentare)non cambia, sistema clientelare a Ceppaloni e zone limitrofe funziona!!!Meno male che adesso ve lo pippate voi al PDL...hi hi hi hi, bravo Silvio bell'acquisto, meglio di Ronaldihno!!!

    Report

    Rispondi

  • vincenzomorlando

    21 Ottobre 2009 - 16:04

    Anche se il Sig.MASTELLA,è confluito,forse per meriti non tanto oscuri,nella parte politica che,purtroppo a volte mi rappresenta,dico con forza:"FUORI SUBITO"dal PDL,unitamente a quell'accozzaglia di delinquenti,che,ormai da decenni stanno portando questo nostro Paese alla più completa deriva morale ed istituzionale .Cosa aspettano ancora a buttarlo fuori?Cap.ULTIMO

    Report

    Rispondi

  • papermaggio

    21 Ottobre 2009 - 16:04

    Quando Mastella fu nominato Ministro della Giustizia, io e molti altri commentando la notizia, dicemmo che era come affidare le chiavi del deposito di Paperon de Paperoni, alla banda bassotti. Ora il mariuolo è a Bruxelles con il centrodestra... "Son tornato a casa!" disse alcuni mesi fa. Non avevamo dubbi, può scegliere Regina Coeli, San Vittore, Porto Azzurro ecc. Insieme a Papi speriamo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog