Cerca

Ascoli, nella casa dello stupro

altre quaranta ragazzine

Ascoli, nella casa dello stupro

Potrebbero essere state compiute altre violenze sessuali nell'appartamento di Ascoli Piceno dove è avvenuto lo stupro che ha coinvolto, a settembre, una 16enne e per il quale ieri sono stati arrestati due 18enni, Carlo Maria Santini e Enrico Maria Mazzocchi. Nell'appartamento, già interessato dall'inchiesta 'Messenger', che ha portato alla scoperta dell'esistenza di feste per giovanissimi in cui si consumavano alcol e droga, secondo la Squadra Mobile potrebbero essere state presenti, nelle varie occasioni, una quarantina di ragazze, molte minorenni. Alcune delle quali vittima di violenza sessuale. In questo appartamento, la 16enne è stata condotta dai due 18enni dopo essere stata contattata su Facebook: la ragazza è stata fatta poi ubriacare e violentata mentre la madre, che l'aveva cercato al telefono, ha sentito impotente quanto stava succedendo.


Indagini - Nell'appartamento di proprietà della famiglia Santini, che Carlo Maria aveva ancora nella disponibilità nonostante la Procura dei Minori gli avesse imposto il divieto d'accesso, si sono svolti negli ultimi mesi diversi incontri fra giovani e non solo, finiti spesso in festini a base di alcool e droga, in prevalenza cocaina. Secondo il capo della Squadra Mobile di Ascoli, Pierfrancesco Muriana, in quel luogo potrebbero essere stati compiuti altri stupri di minorenni. Muriana fa appello alle famiglie del posto affinché forniscano indicazioni in merito, rivelando quello che sanno circa le frequentazioni e gli spostamenti delle loro figlie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog