Cerca

Diffamò l'ex giudice Verde

I giudici condannano Travaglio

Diffamò l'ex giudice Verde

Correva l’anno 2000 quando Marco Travaglio pubblicava ‘Il manuale del perfetto impunito, edito da Garzanti. Come delinquere e vivere felici’. E in quelle pagine il giornalista diffamò il giudice Filippo Verde, descrivendolo come “più volte inquisito e condannato”. Oggi la Cassazione ha condannato Travaglio a risarcire la toga con 5mila euro. I giudici hanno infatti ritenutoinammissibile il ricorso del giornalista e della Garzanti libri che ritenevano priva di “portata lesiva” la frase ‘incriminata’. Per la Suprema Corte (Terza sezione civile, sentenza 22190) “la vicenda giudiziaria è stata riferita in maniera incompleta e sostanzialmente alterata”, dal momento che il “mancato riferimento alla sentenza di prescrizione o, comunque, la mancata puntulizzazione del carattere non definitivo della sentenza di condanna, suscitando nel lettore l'idea che la condanna fosse definitiva (se non addirittura l'idea di una pluralità di condanne)”. Travaglio era già stato condannato dalla Corte d'appello di Torino nel febbraio 2004: allora i giudici ritennero l'espressione utilizzata nei confronti del giudice Verde, seppure “astrattamente non vera” “priva di portata lesiva, essendo la realtà, nella sua sostanza identica a quella descritta nel manuale”, salvo il particolare che non vi fu irrogazione di pena. A nulla è valsa dunque la difesa del giornalista. Piazza Cavour ha inoltre evidenziato che “perché eventuali inesattezze possano considerarsi irrilevanti ai fini della lesione dell'altrui reputazione, esse devono riferirsi a particolari di scarso rilievo e privi di valore informativo”. La Suprema Corte ha bocciato anche il ricorso di Verde che chiedeva un risarcimento più alto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mureddu

    22 Ottobre 2009 - 09:09

    5000 euro è un indennizzo ridicolo. a me, che sono un coglione qualsiasi, toccherà di sborsarne 90mila (oppure casa all'asta) per alcuni volantini di SATIRA POLITICA che sbeffeggiavano una piccola piccolissima donnetta sindaco del paesello più rosso che c'è.

    Report

    Rispondi

  • gbbonzanini

    21 Ottobre 2009 - 20:08

    per me libero ha commesso un errore madornale nel pubblicare questo articolo, ha forse frainteso il disposto della sentenza. Ma se fosse vero, vuoi vedere che certa magistratura comincia a sentirsi il pepe sul culo e a trarne le dovute conseguenze?

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    21 Ottobre 2009 - 19:07

    di Libero grideranno al complotto della magistratura rossa o nera (il colore dipende dalla porpria passione politica)contro Marco Travaglio. Immagino già tutti i politici di centro destra che considereranno politica tale sentenza e parleranno di magistatura politicizzata ecc ecc.

    Report

    Rispondi

blog