Cerca

Mondadori, Fininvest presenta

appello e istanza sospensione

Mondadori, Fininvest presenta

La Fininvest non ci sta alla sentenza sul Lodo Mondadori e fa ricorso. Oggi è stato notificato, “corredato di istanza di sospensione, l’atto di appello avverso la sentenza emessa in data 3 ottobre 2009 nella causa CIR/Fininvest”. Lo comunica la holding di Silvio Berlusconi in una nota. L’istanza di sospensione è stata inoltrata, spiegano i legali, per neutralizzare l'immediata esecutività della decisione del Tribunale di Milano, nella persona del giudice  Raimondo Mesiano che aveva condannato il gruppo al pagamento di 750 milioni di euro in relazione alla vicenda del Lodo Mondadori, a causa «del danno patrimoniale da perdita di 'chance’ di un giudizio imparziale» subito dalla Cir nella vicenda Mondadori. Mesiano aveva infatti considerato la Fininvest responsabile nella corruzione del giudice Metta, componente della Corte di Appello di Roma che, nel 1991, aveva annullato il lodo arbitrale che, nella battaglia sulla casa editrice di Segrate, aveva dato ragione a de Benedetti a scapito di Silvio Berlusconi. A seguito dell'annullamento del lodo, la Fininvest ebbe la possibilità di trattare con Cir per la spartizione del gruppo editoriale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    23 Ottobre 2009 - 15:03

    ha tutto il diritto di proporre appello avverso la sentenza di primo grado, lo stesso diritto in via incidentale è riconosciuto alla CIR. Le critiche alle sentenze sono lecite, ma l'unico campo per annullarle o modificrale resta quello giudiziario, anche perchè è l'unico che garantisce il contraddittorio delle parti e giudici terzi, se non pagati da uno dei contendenti.

    Report

    Rispondi

  • antari

    22 Ottobre 2009 - 15:03

    Certa gente non ha proprio faccia! ^^

    Report

    Rispondi

blog