Cerca

Napolitano: riforme subito

E senza scontro politico

Napolitano: riforme subito
Le riforme istituzionali sono ormai inderogabili e devono essere affrontate senza farne materia di scontro politico. Questo il pensiero del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sul dibattito politico di questi giorni ai rappresentanti dell'Anci invitandoli a mettere gli enti locali al servizio di questa causa anche per evitare ''contrapposizioni pregiudiziali''.

"Camera delle autonomie non è declassamento del Senato" - Occorre completare le riforme istituzionali rivendendo anche l'architettura istituzionale del paese, ha aggiunto il capo dello Stato al Quirinale. ''È indispensabile”, ha poi aggiunto, a cominciare dalla revisione del sistema bicamerale attuale. ''Vorrei il Senato non sottovalutasse l'importanza del ruolo che si è immaginato per esso quale Camera di rappresentanza delle autonomie. Non è un declassamento''. Il capo dello Stato lo ha detto incontrando i rappresentanti dell'Anci. Occorre semplificare anche, ha affermato ''i rami più bassi'' della struttura istituzionale, semplificando compiti e funzioni di regioni e province, in un campo dove ''c'è un indubbio sovraccarico''. Un altro invito ha riguardato i Comuni maggiori articolati in circoscrizioni dove il problema esiste tanto più in quanto ci sono funzioni retribuite. Occorre rivedere, semplificare, chiarire ''perchè non c'è solo troppo nel campo normativo ma c'è anche del confuso''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariser

    23 Ottobre 2009 - 10:10

    Che il Presidente abbia riconosciuto che urge fare le riforme è già un risultato importante; ora aspettiamo suggerimenti su cosa sia urgente riformare e soprattutto come, visto che, non più tardi di avantieri, D'Alema si è detto indisponibile per le riforme. Giacché penso che il Presidente Napolitano sappia anche questo, presumo sia d'accordo che si facciano comunque, anche solo con la maggioranza... Se si continua a cercare solo riforme condivise, temo che non si faranno mai perché, al di là delle parole del Presidente, non c'è volontà politica a sinistra di trovare un punto d'incontro, a meno che non si faccia solo come vogliono loro. Poiché giustamente il governo non accetterà condizionamenti, temo anche che se non si faranno riforme a maggioranza ancora una volta non si farà niente.

    Report

    Rispondi

  • gbbonzanini

    22 Ottobre 2009 - 19:07

    La massima carica dello stato, si è forse accorta che esiste un problema legato alla giustizia? In particolare alla magistratura, ai magistrati ed ai vari organi istituzionali? Che nessuno gliel'abbia detto? o che per non fargli alzare la pressione arteriosa gliel'abbiano taciuto? INSISTO: gerovital 3 compresse al dì: una al mattino, una dopo pranzo ed una con la camomilla prima di coricarsi.

    Report

    Rispondi

  • falconiere2

    22 Ottobre 2009 - 18:06

    Già, riforme subito. Il Presidente intende anche di farle a colpi di maggioranza? E perché non dice che la priorità assuluta è la riforma della Giustizia?

    Report

    Rispondi

blog