Cerca

Venerdì nero dei trasporti

A Milano sassi contro la polizia

Venerdì nero dei trasporti
 Stop dei trasporti per lo sciopero generale nazionale di 24 ore proclamato dal Patto di Base (RdB, SdL Intercategoriale, Confederazione Cobas). A patire sarà soprattutto Roma dove è previsto anche un corteo alle 10 da piazza della Repubblica a Piazza San Giovanni. Per consentire la partecipazione alla manifestazione, la metropolitana e le ferrovie concesse si fermeranno soltanto dalle 20 a mezzanotte.

Trasporto aereo - lo sciopero sarà di sole 4 ore, dalle 12 alle 16, dopo l'ordinanza del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli. Domani sciopera anche il personale navigante di Fit Cisl e Filt Cgil, di AirOne CityLiner (gruppo Alitalia) per l'assenza di un contratto collettivo di lavoro e gli assistenti di volo della Filt della compagnia Livingston (dalle 10 alle 14) per violazioni contrattuali. Rdb Cub, Sdl e Cobas chiederanno alla magistratura di indagare sul divieto "da quasi un anno, con rarissime eccezioni" da parte di Matteoli "degli scioperi indetti in Alitalia-Cai" per verificare "se esistano reati, omissioni e/o atti arbitrari" perseguibili. I sindacati ipotizzano che "le continue ordinanze del ministro" servano "più alla tutela degli interessi dell'azienda che non a quella della mobilità dei cittadini". Per evitare disagi, Alitalia ha cancellato 6 voli AirOne CityLiner e riprotetto tutti i 190 passeggeri.

Trasporto ferroviario - stop degli addetti agli impianti fissi e agli uffici per l'intera giornata; il personale addetto alla circolazione dei treni incrocerà le braccia per 4 ore, dalle 11 alle 15 di domani. Ferrovie dello Stato ha fatto sapere che i treni circoleranno regolarmente. Nessun convoglio a media e lunga percorrenza sarà cancellato; lo sciopero non interesserà le fasce di maggior flusso di pendolari. Trasporto pubblico locale, trasporto merci e logistica: sarà articolato a livello territoriale con il rispetto delle fasce protette, che variano da città a città. Trasporto marittimo: 24 ore dalle 8 di domani; i collegamenti con le isole minori saranno sospesi dalla mezzanotte di domani alle 24 di sabato 23 ottobre. La piattaforma dello sciopero - che riguarda anche Pubblica amministrazione, Sanità, Vigili del fuoco e settore privato - chiede, tra l'altro, "il blocco dei licenziamenti e la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario; aumenti consistenti di salari e pensioni, introduzione di un reddito minimo garantito per tutti; aggancio dei salari e pensioni al reale costo della vita; cassa integrazione almeno all'80% del salario e reddito per i lavoratori 'atipici', con mantenimento del permesso di soggiorno per gli immigrati; messa in sicurezza dei luoghi di lavoro, delle scuole, dei trasporti; assunzione a tempo indeterminato dei precari e reinternalizzazione dei servizi; diritto di uscita immediata per gli iscritti ai fondi-pensione chiusi; difesa del diritto di sciopero; fine del monopolio oligarchico di Cgil, Cisl e Uil sulla rappresentanza e i diritti sindacali".

Scontri a Milano - Davanti al Provveditorato regionale agli studi, in via Ripamonti a Milano, sono stati lanciati sassi, uova e fumogeni contro gli agenti delle forze dell'ordine in tenuta antisommossa schierati davanti all'ingresso. Il lancio proviene dalla testa del corteo, formata dagli studenti dei collettivi delle scuole superiori e degli atenei della città. La manifestazione indetta dal Cub nell'ambito dello sciopero generale è arrivata davanti alla sede del Provveditorato dopo aver attraversato pacificamente il centro città.


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog