Cerca

Ue, governo pensa a D'Alema

"Grazie per il sostegno"

Ue, governo pensa a D'Alema
L'ex presidente del Consiglio Massimo D'Alema, che oggi è stato indicato dai leader progressisti europei tra i candidati per la carica a ministro degli Esteri europeo, si è dichiarato ''onorato'' e si è detto anche ''grato'' per la dichiarazione di Palazzo Chigi secondo la quale l' Italia sosterrà il candidato italiano. ''Ho appreso - ha detto D'Alema - che i leader progressisti hanno raggiunto un accordo sul fatto che il responsabile della politica estera europea e vicepresidente della Commissione sarà espressione del Partito socialista europeo e dei progressisti democratici. Mi hanno indicato tra i possibili candidati. Non mi sono candidato a nulla, la notizia mi è giunta da Bruxelles e io ne prendo atto''. ''Sono onorato - ha proseguito D'Alema - di questo fatto. So che ci sono altri candidati più forti di me. Non ritengo di avere molte possibilità ma il fatto di essere inserito in questa short-list mi onora''.
D'Alema si è quindi dichiarato ''grato'' al governo italiano. ''Sono grato - ha spiegato – al governo italiano per avere detto che, nel caso in cui ci sia questa candidatura, da parte italiana ci sarà un sostegno e non una opposizione''. ''Nel nuovo trattato - ha spiegato l'ex ministro degli esteri - il capo della politica estera è anche vicepresidente della commissione e quindi deve essere un rappresentante nazionale. Quindi il governo ha un potere dirimente sul proprio rappresentante''. ''La nota di Palazzo Chigi - ha proseguito - è molto apprezzabile nel senso che considera prioritaria l'eventualità, che vorrei venisse considerata come tale''. Alla domanda sui tempi per la decisione del candidato, D'Alema ha replicato: ''Penso una decina di giorni''.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    31 Ottobre 2009 - 09:09

    ma il d'Alema che il Pdl, Frattini e Berlusconi accettano di candidare alla carica di Ministro degli esteri della UE non è lo stesso che andava a braccetto con un esponente di Hezbollah in Libano? non è lo stesso cha profeticamente parlava di "scosse" per far cadere Berlusconi? e non c'è nessuno nel Pdl che sia sufficientemente onesto e capace per essere candidato a Ministro esteri UE?

    Report

    Rispondi

  • visitor49

    31 Ottobre 2009 - 09:09

    Cosa dovrà dare in cambio Bersani al Governo?

    Report

    Rispondi

  • Shift

    31 Ottobre 2009 - 09:09

    E' semplicemente una puttanata! Non si possono prendere in giro in questo modo gli elettori, mandando qualcuno che è un avversario politico. Non solo con questo gesto fanno capire che non c'è differenza alcuna tra politici di destra e di sinistra, tanto da permettersi il lusso di mandare qualcuno che farà di tutto per sputtanare l'Italia, il centro destra e attuare cose contrarie agli interessi nazionali, ma ridicolizza perfino l'attuale sistema elettorale di divisione in due campi netti e distinti. Credo proprio che sotto ci sia lo zampino di Putin. Berlusconi deve aver ceduto a qualche ricatto di Putin per ottenere qualcosa per la nostra economia, altrimenti non me lo spiego, a meno che si cerchi di rabbonire la sinistra e la loro mano lunga giudiziaria e mediatica. L'altra opzione è che Berlusconi si sia improvvisamente impazzito. In ogni caso questa storia rimane una puttanata e un'offesa all'elettorato.

    Report

    Rispondi

  • vauban73

    31 Ottobre 2009 - 09:09

    ...se liberarsi di D'Alema significa darsi una martellata nelle parti basse siamo sulla giusta strada. Fini, con D'Alema insignito di questa carica, avrà meno lavoro...CHE SCHIFO....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog