Cerca

Giustizia, Alfano tira dritto

"Riforme anche da soli"

Giustizia, Alfano tira dritto
Il governo non si fermerà sulla Giustizia. Angelino Alfano, intervistato a Mattino cinque da Maurizio Belpietro, ha spiegato che la riforma era nel programma elettorale e dunque si farà anche senza l’opposizione. "Non so se c'è la possibilità di una intesa con l'opposizione - ha detto il Guardasigilli - Noi non la rifiutiamo ma anzi la ricerchiamo perché le riforme se sono votate da una maggioranza ampia sono destinate a durare in più nel tempo. Quindi ricercheremo una forma di consenso con l'opposizione".


Tuttavia, ha precisato Alfano, "abbiamo anche un dovere etico che nasce dalla nuova fase democratica che consegna al governo uomini votati direttamente dal popolo: cioè l'obbligo di fare quello che abbiamo promesso in campagna elettorale. Quindi di fronte al bivio tra la paralisi perché l'opposizione non vuole la riforma e quanto proposto agli elettori noi sceglieremo non di restare fermi ma di procedere con le riforme". E aggiunge il ministro: "A fine legislatura infatti a chi ci chiederà 'avete fatto la riforma della giustizia?' noi non possiamo dire 'non l'abbiamo fatta ma abbiamo dialogato benissimo'...".

Rispondendo a una domanda sul suicidio della neobrigatista Blefari, Alfano difende la magistratura: ''La detenuta era in carcere perché, dopo la documentazione presentata dai suoi legali, chi era deputato a decidere ha valutato che non c'erano le condizioni per una sua detenzione al di fuori del carcere. Dove era detenuta le condizioni non erano connotate da sovraffollamento o condizioni poco dignitose. Anche su questo nessuna ombra deve restare e ho disposto un'inchiesta amministrativa e ho chiesto il massimo della celerità''.

Mentre sul caso Cucchi assicura di essersi attivato per ottenere risposte certe in tempi rapidi: "Ho telefonato al procuratore della Repubblica per dargli pieno sostegno alle indagini, per raccomandargli solerzia e spero che nelle prossime ore si possa aggiungere qualche bagliore di verità, qualche elemento certo che ci metta nelle condizioni di scoprire cosa è accaduto. Di certo c'è una cosa: che il governo vuole scoprire la verità, sapere che è successo, chiarire che i nostri sono istituti di pena in una grande democrazia liberale dove non è ammeso nulla di quello che si sospetta in questa fase".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marclands

    02 Novembre 2009 - 18:06

    Ma non avete ancora capito che i discorsi di Alfano e le sue proposte non sono altro che le idee del cavaliere??Secondo voi il ministro in questione ha il potere di fare o decidere qualcosa?Non vedete che manda sempre "avanti" gli altri e decide di mettere i nomi alle leggi(ad personam)per lui stesso?Lodo Alfano?Mavalà!Al massimo Legge Ghedini!Non si muove foglia se il cav. non voglia! Se fosse per il cav. farebbe il ministro di tutti i dicasteri!Hasta la vista!

    Report

    Rispondi

  • toninopintus

    02 Novembre 2009 - 16:04

    Sono completamente d'accordo col ministro Alfano. Le riforme vanno fatte, perché il Paese è stanco di aspettarle e perché, motivo non secondario, abbiamo votato questa maggioranza affinché le portasse a compimento. La riforma della giustizia, in particolare, è quella più attesa: è ora di finirla con la casta degli intoccabili, che sconfinano dal proprio ambito di potere e cercano di legittimare un diritto di veto che non hanno sulle leggi che il Parlamento approva e su quelle che intende varare in futuro. Separazione delle carriere tra pm e giudici, riforma del processo penale, modifica della composiziome del Csm sono ormai provvedimenti inderogabili che non possono più aspettare. Avanti tutta e se l'opposizione (o una parte di essa) ci sta, va bene, e se non ci sta, va ugualmente bene.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    02 Novembre 2009 - 16:04

    Figurati se il puttaniere demorde!!! ora che finalmente la magistratura può operre senza leggi ad personam..la sua paura fa 90 !!! Fatecelo vedere dietro alle sbarre!!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    02 Novembre 2009 - 16:04

    Ministro Alfano,non basta che a parlare troppo sia il Tuo Presidente ? - Fai il tuo lavoro seriamente con l'aiuto di chi sa più di te. Le pagliacciate oratorie incominciano a dare fastidio.

    Report

    Rispondi

blog