Cerca

Ventimiglia, l'insurrezionalista

Leonardo Landi in manette

Ventimiglia, l'insurrezionalista
A Ventimiglia, la polizia di Stato ha arrestato Leonardo Landi, militante anarco-insurrezionalista fiorentino, latitante dal maggio del 2008; Landi era colpito da un ordine di custodia cautelare in carcere, esteso anche in campo internazionale, emesso dalla autorità giudiziaria di Firenze per i reati di associazione con finalità di terrorismo e rapina.

Elemento di spicco del movimento anarco-insurrezionalista, Landi figura fra gli esponenti di maggiore spessore del sodalizio pisano “Il Silvestre”; è rimasto coinvolto in varie inchieste condotte dalla Procura di Firenze sui gruppi libertari toscani. Come detto, il provvedimento restrittivo notificato a Landi era stato emesso nel maggio del 2008 a seguito delle indagini su una rapina del 2 giugno 2007 ai danni di un ufficio postale in provincia di Lucca; in quell’occasione erano stati arrestati in flagranza i militanti insurrezionalisti Daniele Casalini e Francesco Gioia. Le indagini avevano evidenziato il coinvolgimento di altri estremisti anarchici, fra cui Landi, accusato, come i primi due, “di avere costituito un’associazione criminale diretta a sovvertire violentemente l’ordinamento democratico dello Stato e che si propone il compimento di atti di violenza con finalità di terrorismo ed eversione tra cui l’ideazione e la commissione della rapina in danno dell’ufficio postale di Terrinca a scopo di autofinanziamento”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog