Cerca

Carcere Pianosa, caso chiuso

Prestigiacomo: "Non riaprirà"

Carcere Pianosa, caso chiuso

Il caso Pianosa «è risolto; si studieranno soluzioni alternative». Lo ha detto il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, in merito all'ipotesi avanzata dal ministro della Giustizia, Angelino Alfano, di riaprire il supercarcere sull'isola, ora area protetta inserita nel Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano. «Ho parlato con il collega Alfano - riferisce Prestigiacomo - ed abbiamo convenuto sulla opportunità di studiare soluzioni alternative che non coinvolgano gioielli naturalistici e paesaggistici». L’idea di Alfano aveva trovato invece l’appoggio del collega dell’Interno, Roberto Maroni, che aveva prospettato la riapertura anche del “carcere dell'Asinara. L'Italia ha molte di queste strutture ed è un peccato lasciarle là: bisogna riaprirle e metterci dentro i mafiosi cattivi".
In mattinata il Guardasigilli aveva invece dato mandato al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria di avviare le procedure per la riapertura del carcere di Pianosa. "La scelta - spiegava un dispaccio - rientra nella strategia dei circuiti penitenziari differenziati e nella individuazione di strutture che abbiano una vocazione specifica nella custodia dei detenuti al 41bis". E ora annuncia che
porterà la questione della eventuale riapertura del supercarcere di Pianosa all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni giovedì prossimo, assieme ad una informativa sulle linee guida del piano carceri che il Governo sta mettendo a punto. Lo rende noto lo stesso Guardasigilli che, contattato dall’Ansa, spiega che essendo l’intera questione piano-carceri "articolata e complessa, non può svilupparsi contro la volontà dei territori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gabrilella

    07 Novembre 2009 - 10:10

    Credo che idea migliore non poteva esserci. Il carcere si trova in un ambiente protetto? E' davvero l'ideale per il 41 bis.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    07 Novembre 2009 - 10:10

    Le carceri sono sovraffollate, e se la ministra non vuole aprire le carceri, dove andranno i detenuti ? Qualcuno mandiamolo a casa della ministra!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    07 Novembre 2009 - 10:10

    E chi è la Prestigiacomo, il popolo? Non lo sa la Prestigiacomo che il popolo ha votato a destra per mandare a ramengo tutte e tutti i difensori civici dei delinquenti? Cosa c'è che non va all'Asinara ed a porto Azzurro? Ed a santo Stefano? E Matteoli il missino pentito che fa il difensore dei delinquenti, stupratori ed assassini? Dove li vuole mandare questi, l'onorevole, al Jolly Hotel o all'Hilton? Fate pena, fratacchioni con il cordone di fuori. Se ricordo bene fu proprio Matteoli che si battè per la chiusura dell'Asinara. Allora ditelo che siete peggio o quanto meno uguali alla sinistra ed ai radicali, che cosa ce ne facciamo di voi con quelle teste ? Caso chiuso? Anche noi alle prossime elezioni chiuderemo il caso, cara Prestigiacomo e Matteoli. A personaggi come voi ci vuole una lezione popolare. E con il voto penso che sia possibile.

    Report

    Rispondi

  • forzadoria

    07 Novembre 2009 - 10:10

    Non sbaglia un colpo, 'sto Alfano: tutte le zappate che dà se le tira sui piedi, preciso preciso. Prima il lodo che nessuno ha lodato (tranne l'utilizzatore finale e, naturalmente, Bonaiuti, ottimista per contratto); ora Pianosa e l'Asinara, riuscendo a fare incavolare due ministri dell'ambiente (attuale ed ex) in un colpo solo. Se Alfano fosse di sinistra, Gasparri lo avrebbe già annegato di richieste di dimissioni; ma gli hanno spiegato che è dei suoi, quindi tace.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog