Cerca

Cariche Ue, mistero Miliband

Baffino perde punti

Cariche Ue, mistero Miliband

Ieri la candidatura di Massimo D'Alema a ministro degli esteri europeo sembrava aver compiuto un passo decisivo quando si era diffusa la notizia che il canidato inglese per quella poltrona David Milliband era stata ritirata. Poi però si è propagata la notizia che la Gran Bretagna avrebbe rotto gli indugi e annunciato invece la candidatura di Miliband a "Mr. Pesc". Il premier Gordon Brown avrebbe in un primo momento insistito sul nome di Tony Blair quale prossimo presidente dell'Ue, ma dinanzi alla resistenza dei socialisti avrebbe quindi annunciato di portare avanti la candidatura del capo del Foreign Office. Sempre secondo quando si apprende, Miliband avrebbe spiegato di non essersi mai ritirato ma di considerarsi in «stand- by». Secondo la Bbc, però, il ministro britannico si sarebbe tirato fuori dalla corsa durante un colloquio con l'ex premier danese Poul Nyrup Rasmussen. Insomma non le notizie contradditorie si susseguono quotidianamente, forse anche perchè il traballante governo Brown reagisce scompostamente agli smottamenti politici europei. Silvio Berlusconi, alla cena dei leader dei Ventisette offerta da Angela Merkel, avrebbe sostenuto invece con forza la candidatura di D'Alema per il ruolo di ministro degli Esteri europeo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    10 Novembre 2009 - 11:11

    è incredibile come il Governo italiano continui ad appoggiare la candidatura di D'Alema a ministro degli esteri Ue (Pesc); ma come, ieri abbiamo celebrato l'abbattimento del muro di Berlino, e con esso del comunismo, e il governo italiano vuole mandare un (ex?) comunista a dirigere la politica estera Ue; ma come, dopo lo sbaglio di appoggiare Prodi perchè italiano per la carica di commissario Ue, ora continuiamo a sbagliare con D'Alema (errare humanum est, perseverare diabolicum); ma come, il sangue versato sul muro di Berlino dai combattenti contro il comunismo non riesce a far cambiare idea al governo che vuol mandare un comunista a comandare la politica estera Ue... Sì, sappiamo che la proposta di mandare D'Alema a capo della Pesc parte dalla sinistra europea, ma il governo italiano poteva benissimo (può ancora) ignorare la cosa... mi dispiace, questa volta non approvo Berlusconi, che, purtroppo per noi tutti, perderà un sacco di voti se prosegue nell'insano proposito...

    Report

    Rispondi

  • luigigiggi1962

    10 Novembre 2009 - 11:11

    nemmeno a pensarci.Caro presidente Berlusconi, non tradire gli elettori

    Report

    Rispondi

  • williamc

    10 Novembre 2009 - 09:09

    Berlusconi si è divorato il cervello. Si ravveda.

    Report

    Rispondi

  • Shift

    09 Novembre 2009 - 13:01

    E' UNA PUTTANATA CONTRARIA AL VOLERE E AGLI INTERESSI DEGLI ELETTORI DEL CENTRO DESTRA. BERLUSCONI STA TRADENDO NON SOLO I SUOI ELETTORI, MA LO STESSO MAGGIORITARIO E LO SCHIERAMENTO IN DUE CAMPI OPPOSTI. NON CI SONO GIUSTIFICAZIONI CHE TENGANO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog