Cerca

Bertolaso conferma l'addio:

in pensione grazie a Brunetta

Bertolaso conferma l'addio:
Il capo della protezione civile Guido Bertolaso conferma che è sua intenzione lasciare la guida della Protezione civile a fine anno. "Non si tratta di dimissioni - ha spiegato a margine di una conferenza stampa a L'Aquila - si tratta della possibilità di avvalersi di una legge, la cosiddetta legge 'anti-fannulloni’ voluta dal ministro Renato Brunetta, che consente ai funzionari dello stato di andare in pensione con anticipo rispetto alla scadenza naturale. E io ho fatto domanda per potermi avvalere di questa legge". Bertolaso prende però le distanze da chi sostiene che questa scelta sia dovuta a problemi con la magistratura. "Se, come auspico, potrò lasciare questo incarico - spiega - non lo faccio certo in contrasto con quelle che sono le azioni della magistratura" nei confronti della quale "ho il massimo rispetto, grandissima considerazione e stima e considero gli organi giudiziari del nostro Paese uno dei pochi baluardi nella persecuzione della illegalità che purtroppo affligge molte regioni di Italia". "I miei rapporti con la magistratura - conclude il capo della Protezione Civile - sono eccellenti e se c'è stato un episodio a Napoli, questo ovviamente non deve pregiudicare in alcun modo il rispetto e la fiducia reciproca".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    10 Novembre 2009 - 23:11

    Cioè dopo,intendo quando Bertolaso sarà a godersi la meritata pensione,ci sarà un successore con le sue capacità,manageriali ed umane? Certo come dice il buon gasparotto,in Italia ci vuole coraggio ad essere dinamici,ad organizzare,decidere,insomma fare e quindi esporsi alle critiche e anche agli eventuali insuccessi,invece che starsene belli quieti in un ufficio climatizzato e comodo,lontani dalla puzza e dai problemi, come ci hanno dimostrato i vari commissari della rumenta di Napoli e dei vari terremoti precedenti,escludendo solo Zamberletti,che fu un ottimo manager delle catastrofi.Quindi onore al merito per Bertolaso,che se l'è guadagnato sul campo,anche se credo vada via perchè ne ha le palle piene di gente che lo vuole per forza sminuire,estromettere e forse anche condannare (Qualche reato vero o presunto lo trovano,lo trovano,statene certi quei magistrati d'assalto che vogliono sempre mettersi in mostra)e confidiamo che dopo di lui continui la sana gestione del rimboccarsi le maniche e del fare,invece che pattuire compensi milionari per non fare niente. Un saluto da amico a Bertolaso.

    Report

    Rispondi

  • Beppedellago

    10 Novembre 2009 - 19:07

    Spero che non lo lascino andare davvero......qualunque cosa i giudici possano pensare che abbia fatto.Perdere un uomo con le sue capacità che ha tappato buchi e risolto problemi in questo paese disastrato sarebbe una grossa iattura per tutti noi e mi auguro che sia confermato al suo posto a furor di popolo.Trovare altre persone con le sue capacità organizzative, in grado di poter dirigere un organismo elefantiaco come la Protezione Civile, mi sembra praticamente impossibile!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    10 Novembre 2009 - 17:05

    Bene , in bocca al lupo Bertolaso, solo un matto potrebbe continuare a fare il capo della protezione civile italiana. Uno cerca di fare del bene, di ripulire Napoli, di ridare una casa ai terremotati,di soccorrere gli alluvionati, lavoro ingrato ed avaro di soddisfazioni ed alla fine ti potresti ritrovare anche in manette e dietro le sbarre come ricompensa. Complimenti Bertolaso, manda tutti a quel paese e se ne vada al più presto possibile. Gli italiani non meritano la sua opera di persona seria e capace.

    Report

    Rispondi

blog