Cerca

Imprenditore ucciso dai Rom

Nomadi vogliono risarcimento

Imprenditore ucciso dai Rom
Un imprenditore viene ucciso a Roma, pochi giorni fa, da tre nomadi. La gente si ribella, scende in piazza e arriva fino al campo dove vivono i tre assassini e creano caos. Due degli assassini vengono arrestati. Questo è l'antefatto. Poi, oggi,  una ventina di Rom decidono di sostare e protestare davanti al Municipio di Alba Adriatica: chiedono l'intervento economico del Comune a risarcimento dei danni subiti dopo la sommossa, animata da oltre 200 cittadini, all'indomani della morte dell'imprenditore vittima del pestaggio da parte di tre giovani zingari. Sostenendo di non essere coinvolti nell'accaduto, hanno rivolto un appello alle forze dell'ordine che, secondo loro, dovrebbero proteggere la comunità rom. Intanto, uno dei tre assassini dell'uomo è ancora latitante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mrjeckyll

    12 Novembre 2009 - 16:04

    Identificare subito i 200 responsabili dell'aggressione e premiarli con una croce al valore. E domani altri 200 volontari per ciascuno di questi 200 caporali. VIA TUTTI I ROM DALL'ITALIA, FUORI DALLA FRONTIERA O FUORI PER IL CAMINO !

    Report

    Rispondi

  • antari

    12 Novembre 2009 - 15:03

    che hanno rotto il loro campo?

    Report

    Rispondi

blog