Cerca

Cucchi, i racconti dei medici

non quadrano. Audizioni secretate

Cucchi, i racconti dei medici
Qualcosa nei racconti dei medici non torna. Per questo le audizioni di chi ha avuto in cura Cucchi sono state secertate. «Abbiamo deciso di prolungare i tempi dell'audizione dei medici dell'ospedale Pertini perchè vogliamo ascoltarli con molta attenzione e soprattutto tutti nella giornata di oggi. Ma abbiamo deciso anche di secretare tutti gli atti per le questioni che sono emerse». Lo ha detto il senatore Ignazio Marino, presidente della commissione di inchiesta sul servizio sanitario durante una pausa dell'audizione in Senato dei medici dell'ospedale Sandro Pertini di Roma dove il 22 ottobre è morto Stefano Cucchi, il geometra di 31 anni arrestato una settimana prima per droga. «Abbiamo chiesto individualmente ai medici le condizioni di Stefano nel momento in cui è arrivato al Pertini e poi le sue condizioni cliniche nei giorni di degenza fino al decesso - ha spiegato - ed è stato parere unanime della commissione, per alcuni aspetti che sono emersi, di secretare tutti gli atti fino al completamento dell'indagine». Alla domanda di un giornalista se fosse stato toccato il tema dell'alimentazione di Cucchi, Marino ha ribadito «che sono stati toccati tutti i temi che riguardano le condizioni cliniche ma anche di comportamento e nutrizionali durante il ricovero». Su eventuali contraddizioni tra quanto emerso dalle precedenti audizioni con medici di altri ospedali e quella di oggi Marino ha affermato di non poter rispondere «proprio perchè siamo preoccupati per alcune contraddizioni come abbiamo espresso ieri, per cui oggi abbiamo deciso di secretare tutto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog