Cerca

Crisi, la Cgil scende in piazza

Sacconi: critiche a prescindere

Crisi, la Cgil scende in piazza

La crisi non è finita. E quindi tutti in piazza a manifestare. Ha preso il via da piazza della Repubblica  a Roma la manifestazione nazionale della Cgil per protestare contro le politiche del governo che non affrontano adeguatamente, secondo il sindacato, i nodi della crisi e non tutelano il mondo del lavoro e dei pensionati. Gli effetti negativi della crisi non sono finiti, anzi il peggio per molti arriverà presto, forse addirittura nelle prossime settimane. Nubi fosche si addensano, secondo i ‘meteorologi’ del sindacato capeggiato da Guglielmo Epifani, sul prossimo futuro dei lavoratori. «La crisi avrà gli effetti più negativi sull'occupazione nelle prossime settimane - ha detto il leader della Cgil - e il governo non sta facendo nulla per sostenere il lavoro e i pensionati». Un punto su cui il leader della Cgil chiama a raccolta gli altri sindacati confederali, Cisl e Uil.

Secondo i dati forniti dal sindacato sono oltre 70mila i lavoratori provenienti da tutta Italia. Ci sono anche gli studenti: centinaia, secondo l'Unione degli Universitari, che sfilano contro la privatizzazione degli atenei. Davanti a tutti lo striscione “Il lavoro e la crisi: esigiamo le risposte”. Tante le bandiere della Cgil e della pace, ma anche di partiti: Pd, Idv, Comunisti Italiani. Ci sono anche striscioni di aziende in crisi come l'Eutelia. Sono presenti diversi esponenti politici: Oliviero Diliberto, Antonio Di Pietro, Paolo Ferrero, Enrico Letta per il Pd. In testa alla manifestazione la segretaria nazionale della Cgil Susanna Camussso e il segretario regionale del Lazio Claudio Di Berardino.

Tutti sono scesi in piazza a manifestare. Ma “non contro il governo - precisa Epifani – ma per chiedere al governo una cosa precisa, perché la crisi avrà i suoi effetti più negativi nelle prossime settimane sull’occupazione. E invece il governo non sta facendo nulla”. Parole pretestuose, sottolinea il ministro del lavoro Maurizio Sacconi. L’opposizione di Epifani, sottolinea ancora, “è a prescindere. Mi pare che in generale per Epifani si possa dire che le nostre proposte non le ha lette e non gli sono piaciute”. Sacconi osserva che "in generale per Epifani si possa dire che quando si tratta delle politiche di governo, che le nostre proposte non le ha lette e non le sono piaciute", e ha quindi confermato che verrà stipulato un nuovo patto Stato-Regioni sugli ammortizzatori sociali, entro le prossime elezioni. Il patto, a giudizio del ministro del Welfare, deve essere rinnovato: "Nessuno deve essere lasciato solo, nessuno deve essere lasciato nella piena inattività perché anche l’apprendimento è un’attività importante che riporta ad un’opportunità lavorativa".

 “Anziché organizzare manifestazioni di scarsa o nulla utilità per i cittadini, la Cgil, il Pd e l'Idv farebbero bene a scusarsi con gli italiani per la loro negatività, il pessimismo e il catastrofismo che hanno manifestato nell'ultimo anno e mezzo”, ha sottolineato il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone. “Come attestano Istat e Ocse, invece, l'Italia sta marciando verso la ripresa – ha quindi aggiunto - e il governo Berlusconi sta lavorando bene per agganciarla e consolidarla. A ben vedere, si è confermata una salda alleanza tra governo da una parte e famiglie e imprese dall'altra, mentre le opposizioni politiche e sindacali si sono caratterizzate solo per un massimalismo senza proposte”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    16 Novembre 2009 - 12:12

    forse Lei non vive in Italia ma in qualche paradiso fiscale o se vive in Italia resta chiuso in casa a guardare il Tg1, il TG2, il TG4, il TG5 o Studioaperto. Non Le consiglio di guardare qualcos'altro ma di uscire ogni tanto fuori e parlare con la gente, con i giovani o con degli imprenditori o con qualche esponente delle forze dell'ordine e così potrà rendersi conto che oltre che stupido è inutile "gufare" perchè le cose peggio di così è davvero difficile che possano andare (almeno spero). Lei fa bene a chiedersi chi ha pagato le spese per la manifestazione della CGIL e spero che qualcuno risponda. Per quel che mi risulta i sindacati si autofinanziano con le quote di iscrizione e, a differenza dei partiti, non ricevono finanziamenti pubblici. Il che mi fa presumere che le manifestazioni dei partiti le paghiamo noi mentre quelle dei sindacati le pagano gli iscritti. Tenga presnte questo cos' la porssima volta che vedrà una manifestazione di partito saprà con chi indignarsi. Visto che c'è provi anche a chiedersi chi sta pagando il debito dell'Alitalia o chi paga per gli evasori e i delinquenti che si avvarranno dello scudo fiscale. Mi fermo qui perchè non vorrei che Lei si indignasse troppo. Cordialità

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    16 Novembre 2009 - 09:09

    La CGIL opera alla luce del sole e non è foraggiata nè da destra e nè da sinistra ma rappresenta tutti i cittadini che lavorano per vivere e portare a casa un magro stipendio e i pensionati che vivono al lumicino. Il governo che tu rappresenti,prima delle votazioni promise mari e monti e dopo,guarda caso, si è dimenticato di tutti e ha dato solo 40 euro al mese a quei pensionati sociali che non hanno mai lavorato. Prima di parlare della CGIL lavati la bocca unitamente a Berlusconi e ai tuoi compagni ministri. Nella CGIL ci sono anche moltissimi cittadini che hanno votato per Berlusconi e non per te. (siamo stati fregati) pazienza.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    16 Novembre 2009 - 09:09

    Per questo che invia Epifania in Piazze e nelle vie senza una proposta decente? Nemmeno un po di decenza per il rispetto del capo dello Stato chiede coesione questi scioperano, mentre i dati Istat, parlano della ripresa con un Pil che registra nel terzo trimestre 2009 più 0,6 per cento, è la migliore dal quarto trimestre del 2006, quando la crescita fu pari allo 0,9. Rispetto al terzo trimestre 2008, comunica ancora l Istat, il Pil è diminuito del 4,6 xcento. Nel passato questi foraggiavano la Fiat di Agnelli con la Cig, guai a chi la tocca, ora quasi tutti questi Sindacalisti sono in Parlamento sino ad occupare la erza e 4 carica dello Stato con un flop da Woterloò, ospitando Cristianiuzzi con animali e ratti sotto i ponti di Tor di Quinto per questi niente da obiettare, ora all opposizione, papapumpete, tempi da pre clima del terrorismo agitare in Piazza le anime sempre con quei bamboccioni e nepotismo che non fanno un cavolo o nei Paesi e città: come sapete la campagna è fatta solo per chi non conosce com è buono il formaggio delle pere e l abito non fanno il monaco: meglio col viso coperto col cappuccio da terrorista definito boia o Killer che sul patibolo che uccide innocenti? E io pago per il pil non realizzato: invece, la Cgil introita somme ingenti con PIL zero? http://forum.panorama.it/f16/ilvero-volto-dei-kompagnuzzi-mentre-berlusconi-e-minacciato-di-morte-da-al-qaida-t16308/

    Report

    Rispondi

  • alpinofriz

    15 Novembre 2009 - 22:10

    Oltre a gufare perchè vada tutto male Epifani e co. sperano che i loro desideri diventino realtà. Avrei una domanda: chi ha pagato le spese dei partecipanti alla manifestazione ? Spero che non ci siano stati treni speciali gratis per loro e che paghiamo tutti noi. Qualcuno mi vuole dire quanti sono i dipendenti pubblici e i pensionati in Italia ? Saranno 15 milioni? Facciamo conto che ogni persona ne ha in carico almeno una, (in media) e sono 30 milioni di cittadini italiani che della crisi non gliene frega niente ! Poi ci sono gli studenti, quelli con il posto sicuro, i sindacalisti, gli amministratori, ecc.. Alla fine, quanti saranno quelli che si devono veramente preoccupare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog