Cerca

Influenza A, 48 le vittime

Fazio: "Solo tre erano sane"

Influenza A, 48 le vittime
Salgono a 48 le vittime dell'influenza A in Italia, casi per i quali le autorità sanitarie regionali hanno confermato l'infezione da nuovo virus A/H1N1. Tutti i pazienti «tranne tre, presentavano gravi patologie pregresse», hanno fatto sapere dal ministero del Welfare. I casi si concentrano per la maggior parte in Campania e hanno colpito i bambini dagli 0 ai 14 anni e gli over settanta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    16 Novembre 2009 - 09:09

    se avessi avuto 10.000 euro da buttare li avrei investiti immediatamente in azioni di case farmaceutiche! La pubblicità che un preposto dallo STATO, leggasi Fazio, con il casino conseguente creato dal vaccino han fatto la fortuna ulteriore di queste case di affari.....medicali! Che Fazio sia stato tempestivo e utile come lo potrebbe essere un tir nel centro di Venezia, lo si è visto subito e poi confermato nei giorni seguenti. Ha detto tutto ed il contrario di tutto, avvalorando la tesi secondo la quale la scelta della pagliuzza per la vaccinazione o meno, fosse quella più seria dal punto di vista medico. Dissi in un precedente intervento che, se a Fazio fosse morto un parente per l'influenza, non credo che il sapere che fosse patologicamente debole per malattie pregresse o uno 0,0001 per mille casistico lo avrebbe tirato su di morale! Lo ritengo una persona per bene, ma che non si mettesse a fare pistolotti sui metodi e sulle statistiche. Si è bruciato l'attendibilità un paio di mesi fa, tranquillizzando tutti salvo poi ricredersi e buttarci nella casistica che dovrebbe farci sopportare meglio i lutti e la confusione generata! Saluti alla famiglia

    Report

    Rispondi

  • geog

    16 Novembre 2009 - 09:09

    vogliamo finirla con questa tempesta tropicale di notizie sui decessi causati da questa influenza? oltretutto i morti sono una percentuale infinitesima di quelli causati dalle influenze stagionali. ricordo la sindrome della mucca pazza di qualche anno fa. tutti i media non parlavano d'altro se non di quella malattia (che oltretutto si sarebbe sviluppata dopo anni e anni), era stato vietato il consumo della carne bovina, con il conseguente fallimento di molte imprese del settore: mi sapete dire quanti morti ha causato? finiamola una buona volta di pubblicare notizie che fanno bene solo ai portafogli delle case farmaceutiche. anche se di tutt'altro argomento, quand'é che i media la smetteranno di pubblicare gli oroscopi, che servono solo e soltanto a gonfiare le tasche dei svariati maghi che pullulano in Italia, e che vivono sulle spalle dei creduloni?

    Report

    Rispondi

blog