Cerca

Turista paga multa dal Giappone

Comune di Caltagirone ringrazia

Turista paga multa dal Giappone
Se c’è chi pensa subito ad ogni possibile espediente per non pagarla, c’è chi dall’altra la vuole pagare a tutti i costi. E’ successo per una multa di 38 euro a Caltagirone, in provincia di Catania. Il protagonista, un turista giapponese, che lo scorso settembre aveva posteggiato un auto presa in noleggio sulle strisce blu senza i previsti tagliandini ed era stato multato da un operatore del comune. Era ripartito senza poter pagare e l’amministrazione certamente non avrebbe tentato di rintracciarlo in patria. Ma il cittadino giapponese invece di congratularsi con se stesso, animato da un senso civico sconosciuto ne Belpaese e forse grato per l’ospitalità ricevuta, ha cercato su Internet il sito del Comune e ha inviato una e-mail chiedendo istruzioni. Ottenutele, ha inviato tramite corriere internazionale alla polizia municipale un plico contenente il preavviso della multa, la somma da pagare e una lettera di ringraziamento “per la disponibilità dimostrata” dalla polizia municipale. Incredulo e commosso, il comune di Caltagirone ha inviato una lettera di elogi a un turista giapponese. “Il suo è un esempio per tutti, che è giusto evidenziare – commenta il sindaco - perché ha dimostrato grande correttezza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    23 Novembre 2009 - 09:09

    un altro mondo; quando anche i potenti fanno salti mortali per non pagare o scaricare le spese sulla collettività, arriva dal lontano oriente una prova grande tangibile e eterna della superiore idea e concetto di onestà intellettuale di un popolo. Che schiaffo al comune in questione......con 38 euro si son pagati lo sputtanamento perenne. Educazione ed onestà di altri luoghi e sicuramente altri tempi!!! Saluti alla famiglia

    Report

    Rispondi

  • Shift

    23 Novembre 2009 - 08:08

    Per i giapponesi è normale quello che a noi sembra anomalo. Si sentono tenuti a rispettare il dovere, in parte per il comune di Caltagirone, ma perchè sentono il dovere in grado più alto per le ripercussioni che tale mancanza avrebbe nei confronti del dovere verso sè stessi, verso la propria famiglia, verso la propria nazione e verso l'Imperatore. Dato che ritengono che senza il dovere e il suo rispetto non ha senso la loro vita che quella di ciascun essere umano vivente, ecco spiegato quello che a noi sembra assurdo.

    Report

    Rispondi

blog